Marc Marquez cade dalla sua Honda nelle qualifiche del Gran Premio della Malesia 2019 di MotoGP a Sepang (Foto MotoGP)
Marc Marquez cade dalla sua Honda nelle qualifiche del Gran Premio della Malesia 2019 di MotoGP a Sepang (Foto MotoGP)

MotoGP | Marquez spiega la sua caduta in qualifica: “Stavolta ho sbagliato strategia”

È partito per suonare ed è stato suonato. Anche nelle qualifiche del Gran Premio della Malesia, Marc Marquez ha provato ad adottare la strategia che ormai per lui è diventata una consuetudine: incollarsi ai tubi di scarico del pilota più veloce, nell’occasione Fabio Quartararo, tanto per sfruttarne la scia quanto per mettergli addosso pressione psicologica.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A Sepang, però, inaspettatamente la vittima di questo giochino mentale è stato proprio lui. Accortosi di essere seguito, infatti, Quartararo ha rallentato nel corso del giro di lancio, costringendo anche Marquez a fare lo stesso. Così le gomme della sua Honda si sono raffreddate e, quando è iniziato il decisivo passaggio lanciato, dopo sole due curve il Cabroncito è stato sbalzato dalla moto, riatterrando con violenza sull’asfalto.

Nessuna conseguenza fisica per lui, ma per via delle prove concluse anzitempo il campione del mondo sarà costretto a prendere il via della gara di domani appena dall’undicesima posizione, la peggiore dal 2015 in griglia di partenza. Nell’analisi in conferenza stampa, Marquez ammette l’errore tattico commesso.

Il mea culpa di Marquez

“In alcuni circuiti vado forte e i miei avversari seguono me, in altri devo trovare un’altra strategia”, ha spiegato Marc. “Girando da solo non riuscivo a scendere sotto l’1:59.3, mentre prendendo la scia riuscivo a fare 1:58 alto. Oggi il più veloce era Quartararo, ma onestamente avrei voluto seguire un altro pilota, perché farlo con lui è molto difficile: guida in modo diverso e non è facile ripetere le sue traiettorie con la Honda. Ma sì, stavolta non ho seguito la strategia perfetta”.

Il fuoriclasse catalano può comunque ritenersi fortunato, perché data l’intensità dell’impatto avrebbe potuto uscirne molto peggio. “Sto bene”, rassicura lui, “anche se ovviamente sento dolore in tutto il corpo perché la caduta è stata forte. Forse ho cambiato direzione in modo un po’ troppo aggressivo, ho spinto eccessivamente. Le Yamaha, con gomma nuova, vanno fortissimo: io ho provato a copiare Quartararo ma sono volato. Comunque, più che dalla caduta, sono deluso dall’undicesimo posto”.

E la vittoria si allontana

Una posizione di partenza che rischia di complicargli la vita nella gara di domani: “Sarà difficile, perché questo non è uno dei circuiti migliori per noi”, ammette Marquez. “Nelle ultime prove libere ho trovato un buon passo gara, ma partendo dietro non sarà facile. Cercherò di dare il massimo: l’obiettivo minimo è entrare nei primi cinque, poi il podio sarebbe perfetto. Ma per la vittoria la vedo dura…”.

Leggi anche —> Marc Marquez ancora dolorante: per lui nuovi esami prima della gara