Miguel Oliveira nei box della Ktm Tech3 nel Gran Premio di Malesia 2019 di MotoGP a Sepang (Foto Gold & Goose/Red Bull)
Miguel Oliveira nei box della Ktm Tech3 nel Gran Premio di Malesia 2019 di MotoGP a Sepang (Foto Gold & Goose/Red Bull)

MotoGP | Oliveira infortunato e ko in Malesia: “Forse mi dovrò operare alla spalla”

La sua condizione fisica si è rivelata più critica del previsto. La tremenda caduta di Miguel Oliveira durante l’ultima sessione di prove libere in Australia (quella che ha convinto la direzione gara a rinviare le qualifiche per troppo vento) ha infatti aggravato l’infortunio al tendine della spalla che il pilota portoghese aveva riportato lo scorso agosto, durante il Gran Premio di Gran Bretagna, quando fu centrato dal suo allora compagno di marca Johann Zarco.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Per questo motivo il portacolori della Ktm satellite del team Tech3 è stato costretto a dare forfait dal weekend di gara in Malesia dopo soli quattro giri della prima sessione di prove libere a Sepang, avendo riscontrato che la sua forma non era sufficiente a potergli permettere di correre. Ma non è finita. Il rischio, infatti, è che questo infortunio abbia conseguenze a lungo termine.

Oliveira potrebbe finire sotto i ferri

Infatti Oliveira è ancora in dubbio sulla decisione di farsi operare alla spalla: un dubbio che dovrà però sciogliere presto, perché il tempo di recupero dall’operazione in questione è di ben tre mesi, dunque potrebbe ostacolare addirittura i suoi primi test pre-campionato 2020 in programma il prossimo febbraio.

“Al momento devo solo chiarire con il nostro staff medico, di cui abbiamo la massima fiducia, per comprendere quale sia l’esatta condizione attuale della mia spalla”, ha spiegato Miguel. “Se l’intervento si rivelasse la cura corretta per me, si parla di tre mesi di riabilitazione, ovvero siamo al limite per tornare in forma in tempo per i test. Quindi non c’è dubbio che per me e per la squadra l’obiettivo sia quello di non compromettere la preparazione per la prossima stagione: abbiamo una moto molto competitiva e vogliamo in pratica fare il massimo possibile”.

Oliveira dovrà dunque sottoporsi ai necessari esami il prima possibile, in modo da non ritardare ulteriormente i tempi di un’eventuale operazione chirurgica: “Non posso parlare prima di andare a vedere il medico”, ha concluso lui. “Spero che non sia nulla di grave e che io possa continuare a correre”.