Medico
(foto dal web)

Il colesterolo alto è uno dei fattori di maggiore rischio per le malattie cardiache: recenti studi hanno svelato due rimedi naturali che permettono di ridimensionarne i valori.

Il colesterolo appartiene alla famiglia dei lipidi, meglio noti come grassi, ed è una delle componenti della membrana delle cellule presenti nel nostro corpo, nonché del sangue. Se presente in quantità eccessiva, tuttavia, diviene uno dei fattori di rischio maggiori per le malattie cardiache. Il colesterolo in eccesso, infatti, tende a depositarsi nei vasi sanguigni e sulle pareti delle arterie formando delle microlesioni. Questo processo, definito aterosclerosi, porta ad una successiva formazione di placche che ostruiscono il flusso sanguigno fino a causare di ictus ed infarti. Recenti studi hanno rivelato le proprietà benefiche di due elementi naturali in grado di ridimensionare i valori del colesterolo: l’olio di camelina e l’estratto d’aglio.

Colesterolo alto, due rimedi naturali per combatterlo: olio di camelia ed estratto d’aglio

Le cause per cui il valore del colesterolo potrebbe superare la soglia di tollerabilità dell’organismo sono molteplici: sovrappesoobesitàalimentazione sregolata ricca di grassi, nonché la mancanza di attività fisica. Non bisogna sottovalutare anche la predisposizione genetica di un soggetto. Una volta registrati valori fuori dalla norma si rende necessario un consulto medico con uno specialista il quale indicherà di certo la miglior terapia farmacologica da seguire. Recenti studi, tuttavia, hanno scoperto due rimedi naturali che possono aiutare a mantenere sotto controllo i valori del colesterolo e a farli rientrare nella normalità: l’olio di camelina e l’estratto d’aglio.

L’olio di camelina, riferisce l’Ansa nella sezione Salute e Benessere, è ricavato da una pianta appartenente alla famiglia delle Brassicacee nota come “falso lino” ed è ricco di acido alfa-linoleico, un acido grasso omega-3 a base vegetale. Secondo i risultati di una meticolosa ricerca, portata avanti da alcuni ricercatori dell’Università della Finlandia Orientale, apparsa su Molecular Nutrition & Food Research, l’olio di camelina sarebbe in grado di ridurre i livelli di colesterolo totale e di colesterolo Ldl.

Un altro autorevole studio pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition ESPEN nel 2018 e condotto presso l’Università della Florida ha, invece, dimostrato gli effetti benefici dell’estratto d’aglio. Una ricerca, stando a quanto riportato dall’Ansa nella sezione Salute e Benessere, che avrebbe coinvolto 51 soggetti obesi divisi in due gruppi. Al primo è stato somministrato per sei settimane un estratto d’aglio ed all’altro un placebo. Dopo sei settimane il primo gruppo ha registrato una netta riduzione del colesterolo cattivo.

Il presente articolo, seppur tratto da fonti attendibili, non ha carattere medico, ma uno scopo esclusivamente narrativo. Per tale ragione vi consigliamo di rivolgervi ad un medico qualora doveste riscontrare l’insorgenza di qualsiasi problematica legata all’argomento in questione.

Leggi anche —> Ritirato noto farmaco contro l’herpes: la decisione della società farmaceutica