(Image by Motor1)

L’hype che circonda la nuova Volkswagen Golf sta iniziando a calmarsi dopo la premiere mondiale a Wolfsburg.

L’auto è stata portata sul palco in diverse configurazioni, principalmente il livello di allestimento di fascia alta Style e l’ibrido plug-in GTE, ma sono previste versioni minori.

L’auto base si chiamerà semplicemente Golf e sostituirà il modello Trendline, mentre la Comfortline di fascia media sarà abbandonata per fare spazio a Life. Il suddetto stile servirà a sostituire l’Highline, e sopra di esso si troverà la R-Line come livello di assetto dedicato piuttosto che i pacchetti multipli che sono stati offerti per la Mk7.

Nel corso del 2020, la gamma sarà notevolmente ampliata per includere un totale di quattro versioni di prestazioni – GTI, GTI TCR, GTD (sì, il diesel), e la potente R. Durante l’evento rivelazione, i nostri colleghi di ‘Motor1.com Germania‘ hanno chiesto ai funzionari Volkswagen quando sarà prevista l’uscita ufficiale sul mercato ma non hanno ricevuto risposta.

(Image by Motor1)

Nonostante alcune versioni siano state abbandonate, Volkswagen sta aggiungendo una seconda versione ibrida plug-in per stare sotto i 245 cavalli GTE di potenza per coloro che vogliono accontentarsi di 204 CV. Entrambi hanno una nuova batteria da 13 kWh per trasformare temporaneamente la Golf in un veicolo a emissioni zero.

Esisteranno versioni della nuova Golf per tutti i gusti quindi visto che oltre ai due modelli elettrici, ci saranno motori eTSI ibridi eTSI a tre cilindri 1.0 litri e quattro cilindri 1.5 litri. Inoltre, saranno offerti un paio di motori diesel da 2,0 litri più puliti e persino un Golf TGI che funziona a gas naturale compresso (CNG).

Il gioiello della gamma si dice che sia una Golf R Plus con quasi 400 cavalli di potenza, ma Volkswagen non ha ancora confermato il rumor. Anche se già prossimo alla produzione, è improbabile che lo vedremo arrivare prima del 2021.