Sondaggi politici dopo le elezioni in Umbria: la fiducia degli italiani nei partiti e nei leader

0
420
Elezioni
Luigi Di Maio e Matteo Salvini (Getty Images)

L’istituto Ixè ha realizzato un sondaggio per la trasmissione di Rai 3 Cartabianca dopo le elezioni regionali in Umbria svoltesi domenica scorsa.

Dopo le elezioni regionali in Umbria che hanno visto una larga vittoria della candidata di centrodestra Donatella Tesei, i sondaggi sul consenso nazionale hanno subito delle variazioni. Secondo l’ultima rilevazione effettuata dall’istituto Ixè per la trasmissione di Rai 3 Cartabianca, è scesa la fiducia nel premier Giuseppe Conte, mentre è salita quella in Matteo Salvini e Giorgia Meloni. In calo anche il Partito Democratico e Forza Italia, unico partito del centrodestra a registrare il segno meno dopo il voto in Umbria.

Leggi anche —> Elezioni in Umbria, flop Movimento 5 Stelle: “L’esperimento non ha funzionato”

Sondaggi politici dopo le elezioni in Umbria: crescono ancora Lega e Fratelli d’Italia

L’istituto Ixè ha realizzato un sondaggio per la trasmissione di Rai 3 Cartabianca sul consenso nazionale nei partiti e nei leader politici dopo le elezioni regionali in Umbria che hanno visto la vittoria del centrodestra. Secondo la rilevazione, in confronto allo scorso 22 ottobre, la fiducia nel premier Giuseppe Conte è scesa di due punti percentuali passando dal 43% al 41% riducendo il gap con Matteo Salvini che è passato dal 34% al 36%. Salgono di un punto percentuale, come riporta Il Fatto Quotidiano, anche Giorgia Meloni e Nicola Zingaretti passati rispettivamente dal 31 al 32% e dal 25 al 26%. Al quinto posto Luigi Di Maio al 25%, davanti a Silvio Berlusconi (dal 21 al 22%) e Matteo Renzi (dal 12 al 14%). In ordine ai partiti, secondo il sondaggio Ixè, la Lega rimane saldamente al primo posto con il 30,9% dei consensi, lo 0,4% in più rispetto al 22 ottobre. Al secondo posto il Partito Democratico al 19,5% in calo dello 0,3% davanti al Movimento 5 Stelle passato dal 20,8% al 19,2 %. Sale di quasi un punto Fratelli d’Italia dal 8,7 al 9,5%, mentre Forza Italia è passata dal 8,1 al 7,7%. In coda Italia viva di Matteo Renzi che dal 3,5 passa al 3,7 e +Europa che perde 0,1 attestandosi al 2%. Infine al campione intervistato è stato chiesto se la coalizione giallorossa resisterà al Governo: il 53% ha risposto no, il 27% si, mentre il 20% ha detto di non sapere.

Leggi anche —> Legge di Bilancio, vertice di maggioranza modifica tre punti