Prete pedofilo, stop agli abusi: arrestato con un trucco

Prete pedofilo
(foto dal web)

Prete pedofilo tenta di abusare di un bambino di due anni ma viene arrestato: ecco come è stato preso

Ha organizzato un incontro con un uomo per abusare di suo figlio di soli due anni. Ma l’incontro era fasullo: il bambino era inesistente e il ‘padre’ un agente sotto copertura. Così è stato arrestato Matthey Jolley, prete cattolico di 32 anni. L’agente lo aveva intercettato sull’app di appuntamenti Grindr a settembre, raccogliendone le confidenze indecenti. Il prete aveva confessato, in poco tempo, di voler avere esperienze sessuali con bambini piccoli, ma anche con ragazze e ragazzi, inviando anche immagini sconce. I due si sono spostati da Grindr alla chat su Kik Messenger e successivamente su Wickr. Qui Jolley ha dichiarato di voler ”condividere” sessualmente il bambino con suo padre. Il Liverpool Crown Court ha riportato dunque che i due presero accordi per incontrarsi il 26 settembre ad Halton, nel Cheshire. Il poliziotto ha rivelato quindi la sua identità, fermando il tentativo di fuga del prete e arrestandolo. Jolley è stato condannato venerdì scorso a tre anni e quattro mesi di reclusione.