Picchia la fidanzata prima in casa e poi in ospedale: arrestato un giovane 19enne

violenza donne
(foto dal web)

Un ragazzo di 19 anni ad Ancona è stato arrestato posto alla misura degli arresti domiciliari accusato di aver picchiato la fidanzata prima in casa e poi in ospedale.

Ha picchiato la fidanzata prima in casa e poi in ospedale, dove la ragazza si era recata per farsi medicare. Questo è quanto ricostruito dagli agenti della polizia di Ancona che hanno arrestato un ragazzo di 19 anni nella serata di ieri, martedì 29 ottobre. Il 19enne è stato arrestato nel parcheggio del Pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Ancona, dove aveva raggiunto la compagna ubriaco. Il giovane è stato posto alla misura degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida. La giovane aggredita è stata medicata presso il nosocomio dove le è stata riscontrata la frattura del setto nasale e altre tumefazioni ed escoriazioni al volto.

Leggi anche —> Torna a casa e trova le figlie senza vita: la terribile scoperta di un padre

Ancona, picchia la fidanzata prima in casa e poi in ospedale: ai domiciliari un ragazzo di 19 anni

Nella serata di ieri, martedì 29 ottobre, intorno alle 21 gli agenti delle volanti della polizia di Ancona hanno arrestato un ragazzo di 19 anni con l’accusa di lesioni aggravate dall’uso di un’arma ai danni della compagna. Secondo una prima ricostruzione riportata da Fanpage, il 19enne avrebbe prima picchiato la compagna nella casa dove vivevano colpendola ripetutamente mentre indossava un anello, il quale avrebbe provocato delle lesioni alla donna. Quest’ultima ha deciso di recarsi al Pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Ancona per farsi medicare, ma il compagno l’ha raggiunta e picchiata nuovamente nel parcheggio del nosocomio. Sul posto, avvertiti dai presenti che hanno assistito alla terribile scena, sono arrivati gli agenti della polizia che hanno arrestato il ragazzo ubriaco, il quale aveva provato a nascondersi tra le auto in sosta. L’aggressore è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di convalida, mentre la compagna è stata medicata dai medici dell’ospedale che le hanno riscontrato la frattura del setto nasale e altre tumefazioni ed escoriazioni al volto, lesioni guaribili in 30 giorni.

Leggi anche —> Ragazzina uccide brutalmente la sorella incinta e il nipote: l’agghiacciante movente dell’omicidio