Ictus, prevenzione fondamentale: come salvarsi la vita

0
89
Ictus
(foto dal web) 

L’ictus cerebrale è una delle principali cause di morte: alcuni accorgimenti possono salvare la vita

Con ictus si definisce l’interruzione dell’afflusso di sangue al cervello, causato dall’ostruzione di un’arteria oppure per la sua rottura (distinzione tra ictus ischemico ed emorragico). Intervenire in tempo, prontamente, è fondamentale, guadagnare minuti o anche secondi può permetterci di salvarci la vita. Un quarto d’ora d’anticipo nei soccorsi può anche prevenire successive disabilità. Una ricerca dell’Università della California ha studiato il lasso di tempo intercorso tra l’arrivo in ospedale e l’inizio della terapia (trombectomia meccanica) per intervenire sull’ictus. Per ogni quarto d’ora guadagnato, si salvavano 15 persone in più, alcune delle quali potevano poi lasciare l’ospedale senza alcun problema. Di norma, gli interventi vanno effettuati entro quattro ore e mezza dai primi sintomi, ma la finestra può essere allungata fino a 24 ore, come rivelano nuovi studi pubblicati quest’anno, grazie a neuroimmagini avanzate, che possono permettere di identificare i tessuti cerebrali salvabili.