Papilloma virus: che cos’è, come prevenirlo e perché vaccinarsi

0
35

papilloma virus diagnosi cura prevenzione vaccino

Papilloma virus: che cos’è, come prevenirlo e perchè vaccinarsi. Ecco tutto quello che c’eùè da sapere sul virus trasmettibile attraverso rapporti intimi.

Il papilloma virus è tra le cause principali dello sviluppo del tumore del collo dell’utero, ma non colpisce solo le donne. Il visur, infatti, può colpire anche gli uomini ed è trasmettibile sessualmente, ma che cos’è il papilloma virus? Come si previene il contagio e perchè sarebbe opportuno vaccinarsi? A queste domande risponde Ketty Vaccaro, Responsabile dell’Area Welfare e Salute del Censis.

Papilloma virus: che cos’è, come si previene e perchè vaccinarsi

Il Papilloma Virus Umano o HPV è un virus patogeno solo per l’essere umano. Le infezioni da papilloma virus sono molto diffuse e sono trasmesse prevalentemente per via sessuale anche se non si possono escludere vie indirette dell’infezione come la bocca. Il pailloma virus.

Esistono oltre 200 tipi di virus HPV di cui 13 molto dannosi e possono provocare il tumore della cervice uterina nelle donne e altri tumori HPV associati – ano, vagina, vulva, pene, cavità orale, faringe, laringe e condilomi genitali anche negli uomini.

“Anche se la conoscenza sul Papilloma virus e sulla relativa vaccinazione appare tendenzialmente migliorata nel tempo, sa cos’è l’HPV l’88,3% dei genitori e conosce la vaccinazione l’81,3% mentre le percentuali rispettive superano ormai il 90% tra le donne, si tratta di una conoscenza spesso superficiale, nella quale traspaiono molti dubbi ed incertezze” – spiega Ketty Vaccaro, Responsabile dell’Area Welfare e Salute del Censis come riporta il portale DiLei.

“Mentre tutti coloro che affermano di essere informati sanno che l’HPV è responsabile del tumore alla cervice uterina, solo la metà dei genitori sa che l’HPV è causa anche di altri tumori come quello dell’ano, del pene, della vulva, della vagina e di quello testa/collo, solo il 42% lo associa ai condilomi genitali e poco meno di un terzo pensa ancora che il virus colpisca solo le donne. I media e in particolare Internet sono tra le fonti di informazione più citate, a cui si affiancano il servizio vaccinale della ASL per i genitori e il ginecologo per le donne. Tuttavia, emerge un bisogno informativo solo in parte soddisfatto, in particolare sui rischi di contrarre il virus, i meccanismi con cui agiscono tutti gli strumenti di prevenzione e la loro efficacia”, conclude Ketty Vaccaro.

Fondamentale per evitare il contagio è la protezione ed è per questo che, come spiega Giancarlo Icardi, Professore Ordinario di Igiene presso l’Università di Genova è importante vaccinarsi.

“L’infezione da HPV è molto frequente nella popolazione e riconosce prevalentemente una trasmissione per via sessuale; da questa frase si può capire come i numerosi Papilloma virus costituiscano una minaccia per tutta la popolazione fin da quando inizia l’attività sessuale. Disponiamo di molteplici evidenze scientifiche che indicano come la giovane età ed il numero dei partner sessuali rappresentino una condizione di rischio per contrarre l’infezione. Da tali evidenze ne consegue la strategia di prevenzione attraverso la vaccinazione che ha come target primario gli adolescenti di entrambi i sessi al dodicesimo anno di età”, spiega il professore.