Influenza ottobre
(foto dal web) 

Influenza ottobre, i sintomi e i metodi per curarsi: vediamo i falsi miti e le leggende da sfatare sulle malattie stagionali

Il virus dell’influenza, in questo mese di ottobre 2019, si è diffuso piuttosto rapidamente, colpendo diverse migliaia di italiani. In tema di sanità, spesso, si producono numerosissime fake news, per quanto riguarda sintomi e cure. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha pubblicato sul proprio sito web le cinque principali leggende metropolitane sul tema. Non è vero che il vaccino antinfluenzale faccia venire l’influenza, perché contiene un virus inattivato che non può causare la malattia. Nemmeno che le donne in gravidanza non possano essere vaccinate, anzi il vaccino si rende necessario in quei casi per la debolezza dei sistemi immunitari. Si tende inoltre a dire che l’influenza non sia una patologia grave e non necessiti di vaccino, ma ci sono soggetti a rischio come anziani, donne in gravidanza e malati cronici. Senza fondamento anche il rischio di gravi effetti collaterali del vaccino: la casistica (una su un milione circa) è a dir poco residuale. Smentita clamorosamente anche la presunta inefficacia del vaccino. Il vaccino aumenta la possibilità di non contrarre la malattia, ma non difende da tutti i ceppi influenzali in circolazione e per questo ci si può ammalare anche essendosi vaccinati.