Celiachia, i sintomi che potrebbero avvisare dell’intolleranza ancora prima di un test

Celiachia
(foto dal web)

La celiachia è un’intolleranza alimentare al glutine che spesso si manifesta in età adulta: i sintomi che fungono da campanello d’allarme sono per la maggior parte legati alla sfera digestiva.

Il glutine è una proteina presente all’interno del frumento della segale e dell’orzo. La celiachia, o anche nota come malattia celiaca, è una patologia autoimmune a causa della quale i soggetti colpiti non possono mangiare glutine, diversamente il sistema immunitario risponde aggressivamente, causando gravi danni all’intestino.

L’insorgenza della malattia potrebbe essere dettata, riporta il sito di Farmaco e Cura, da un fattore genetico ed il suo trattamento consiste esclusivamente in una dieta priva di glutine. Ma quali sono i campanelli d’allarme lanciati dall’organismo che potrebbero far presumere la celiachia?

Leggi anche —> Ictus, gli 11 sintomi che se riconosciuti in tempo possono salvare la vita

Celiachia, i sintomi della malattia: i campanelli d’allarme lanciati dal nostro organismo

I soggetti affetti da celiachia di norma presentano numerosi sintomi e ad innescarli, in alcuni casi, potrebbero esserci dei particolari eventi o una condizione di vita occasionale. Stando a quanto riportato da Farmaco e Cura, le cause potrebbero essere delle più disparate e vanno da un intervento chirurgico ad una gravidanza, da un parto ad un’infezione virale o addirittura potrebbero essere collegate ad un forte stress. Tutte condizioni che o singolarmente o sinergicamente potrebbero coadiuvare l’insorgenza della patologia. I sintomi della celiachia possono essere lievi in alcuni pazienti e maggiormente evidenti in altri. Tra i più diffusi, riporta Farmaco e Cura, ci sarebbero:

  • gonfiore addominale;
  • dolore addominale e crampi;
  • sensazione di pienezza;
  • diarrea cronica;
  • stipsi;
  • meteorismo e flatulenza ;
  • nausea e vomito;

Ovviamente questi sintomi non vanno mai sottovalutati ne tanto meno trattati con autodiagnosi: è necessario, difatti, effettuare dei test specifici e rivolgersi ad un medico specializzato.

Il presente articolo, seppur tratto da fonti attendibili, non ha carattere medico, ma uno scopo esclusivamente narrativo. Per tale ragione vi consigliamo di rivolgervi ad un medico qualora doveste riscontrare l’insorgenza di qualsiasi problematica legata all’argomento in questione.

Leggi anche —> Intolleranza al lattosio: i test per la diagnosi ed i cibi da evitare