Truffa alle poste, funzionaria tradisce la fiducia di tutti e ruba 600mila euro – FOTO

0
155
truffa alle poste
Scoperta una clamorosa truffa alle poste da parte di una funzionaria FOTO Il Secolo XIX

Una truffa alle poste davvero eclatante e che andava avanti da almeno 10 anni ha portato all’arresto di una donna che lavorava nell’ufficio di un piccolo paese ligure.

Una grossa truffa alle poste perpetrata da una funzionaria è stata scoperta a Vobbia, nell’alta Valle Scrivia in provincia di Genova. Si tratta di un paesino di appena 381 abitanti, dove la donna, 58 anni, lavorava da sola. Nel corso degli ultimi 10 anni questa persona è riuscita a carpire la fiducia di tutti, in particolar modo degli anziani. A questi la dipendente di Poste Italiane forniva consigli e gestiva i loro risparmi, ma anche tanti altri si affidavano a lei. Ora è emersa la terribile verità, dopo una indagine svolta dai carabinieri in merito a diverse denunce perché i conti di diversi correntisti non tornavano. Era proprio lei la responsabile di tutto. Da almeno il 2009 l’impiegata ha svuotato i conti dei suoi clienti che si fidavano di lei, clonandone i depositi. E per coprire quei prelievi ci metteva ‘delle pezze’ utilizzando il denaro di nuovi correntisti.

LEGGI ANCHE –> Amici Celebrities, Ornella Vanoni piange in studio: “Mi ha devastata”

Truffa alle poste, scovata l’impiegata infedele: ha rubato 600mila euro

Ma ammanco dopo ammanco, la truffa alle poste è stata scoperta. Si è arrivati al punto da registrare un buco finanziario di ben 600mila euro. E l’unica alle quali poter chiedere spiegazioni era lei, che nel frattempo è sparita. A Vobbia non si è parlato d’altro che della diabolica direttrice delle poste e della sua presunta fuga in qualche località esotica con il maltolto. Cosa che non corrisponde al vero. Infatti i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di San Martino sono riusciti a scovarla ad Aosta. Qui Patrizia Balbi aveva raggiunto il figlio che abita proprio lì. Nel frattempo era stata licenziata da Poste Italiane, ed ora si trova soggetta ad un provvedimento di custodia cautelare con le gravi accuse di falso e di peculato spiccate nei suoi confronti.

LEGGI ANCHE –> Report Salvini, Milena Gabbanelli: “Giusto informare subito i cittadini” – VIDEO