Marquez sempre più pazzesco: l’ultima caduta evitata è da record (VIDEO)

0
247
Marc Marquez sfiora la caduta dalla sua Honda nelle prove libere del Gran Premio d'Australia 2019 di MotoGP a Phillip Island (Foto Honda)
Marc Marquez sfiora la caduta dalla sua Honda nelle prove libere del Gran Premio d’Australia 2019 di MotoGP a Phillip Island (Foto Honda)

MotoGP | Marquez sempre più pazzesco: l’ultima caduta evitata è da record (VIDEO)

Per quanto ci abbia ormai abituato ai suoi salvataggi incredibili, Marc Marquez non smette mai di stupire, e di spingere il suo limite sempre più in là. Durante la sessione supplementare di prove libere voluta dalla Michelin per sperimentare la costruzione delle gomme per il 2020, infatti, ha stabilito un nuovo record assoluto, evitando una caduta nonostante gli si fosse chiuso l’anteriore alla curva 10, quando la sua Honda era piegata ormai ad un angolo di ben 70,8 gradi, a 67 km/h.

“Stavo girando tranquillamente, come se fosse una simulazione di gara”, racconta Marquez. “Ma avevo scelto una gomma davanti troppo morbida e ho perso l’anteriore quando ero molto piegato. Ho pensato di arrendermi, ma poi mi sono detto: ‘Apro il gas e vedo cosa succede’. La reazione della moto è stata simile ad un’impennata e così sono riuscito ad evitare la caduta. Un nuovo record: 70 gradi!”.

Un altro salvataggio show di Marquez

Il Cabroncito ci ride su, scherzando sul fatto che l’ispirazione per quest’ennesima impresa oltre le leggi della fisica gli sia venuta da suo fratello Alex Marquez, che lo scorso weekend a Motegi ha messo in mostra un salvataggio ancor più spettacolare in Moto2. “Mio fratello mi ha motivato!”, sorride il campione del mondo. “A parte gli scherzi vorrei sempre evitare questi episodi, anche perché sono comunque finito fuori pista, ma almeno sono riuscito a salvarla”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Marquez ha concluso la prima giornata del Gran Premio d’Australia al sesto posto, un po’ in ritardo rispetto alla Yamaha: “Mi aspettavo di essere più lontano, ma onestamente non è così”, analizza il catalano. “È vero che Vinales è un passo avanti a tutti, ma l’anno scorso qui soffrivamo di più. La stabilità dell’anteriore non è male, fatichiamo in uscita di curva, ma cercheremo di trovare una soluzione”.