Bambino malato, il papà raccoglie fondi online ma li spende in festini

0
733
bambino malato morto padre festini
Il bambino malato e poi morto ed il padre che spende tutti i soldi per curarlo in festini FOTO tuttomotoriweb

Il suo bambino malato in maniera grave, la moglie in grave apprensione ma lui che fa? Prende i soldi delle donazioni per curare il piccolo e se la spassa.

Arriva dal Brasile una triste storia con sfortunato protagonista un bambino malato. Il piccolo aveva 2 anni appena e si chiamava João Miguel Alves. Parliamo al passato in quanto il piccino non è più tra noi, ucciso a causa di una grave forma di atrofia muscolare spinale. Il decesso è avvenuto lo scorso 17 ottobre, dopo che in molti avevano effettuato delle donazioni nel tentativo di aiutare il papà a pagare le ingenti spese mediche per curare il bambino malato. In totale è stato raccolto un quantitativo di soldi pari a circa 150mila euro. Tutto invano però, perché il padre di João Miguel avrebbe dilapidato l’intera somma spassandosela in albergo con delle ‘professioniste della strada’. Questa l’accusa rivoltagli nel procedimento che lo vede imputato con diverse accuse nei suoi confronti.

LEGGI ANCHE –> Truffa alle poste, funzionaria tradisce la fiducia di tutti e ruba 600mila euro – FOTO

Bambino malato, padre spende i soldi per curarlo in festini

L’uomo, il 37enne Mateus Henrique Leroy Alves, è stato scovato proprio in un albergo dopo aver fatto perdere le proprie tracce per due mesi. Era sparito all’improvviso, portando con sé tutti i soldi. La moglie Karine lo aveva anche denunciato, sicura del fatto che la scomparsa del marito fosse da attribuire ad un suo allontanamento volontario e non ad altre circostanze più drammatiche. Mateus avrebbe speso tutti i soldi ottenuti allo scopo di salvare la vita di suo figlio. Invece con il bambino malato e poi deceduto, all’uomo non è rimasto meglio da fare a quanto pare che tagliare la corda e divertirsi, acquistando capi di abbigliamento firmati, orologi costosi ed altri beni di lusso. Senza disdegnare la compagnia particolare di perfette sconosciute, oltre a droghe ed alcolici. Quando il bambino era in vita, doveva prendere un farmaco che costava la bellezza di 80mila euro a dose.

LEGGI ANCHE –> Report Salvini, Milena Gabbanelli: “Giusto informare subito i cittadini” – VIDEO

L’uomo si difende: “Io vittima di un ricatto”

Il governo brasiliano aveva anche comunicato di voler pagare i primi tre trattamenti. Nel corso di un anno i soldi raccolti in beneficenza erano stati 230mila euro, dei quali meno della metà effettivamente spesi per curare il bimbo. A maggio poi la svolta crudele pianificata dall’uomo, che alla moglie aveva detto di doversi assentare per seguire un corso come guardia di sicurezza. Tutti i soldi raccolti erano stati depositati su quattro distinti conti correnti. Alcuni movimenti insoliti, quali prelievi grossi e bonifici, avevano fatto insospettire la moglie, fino all’avvenuto arresto del marito insensibile avvenuto proprio nell’hotel dove pernottava da tempo. Lui si è giustificato dicendo di avere subito delle estorsioni, ora dovrà andare incontro ad un processo.