Ufficiale: Le due Renault squalificate dal GP di Suzuka!

Renault (Getty Images)

F1 | Ufficiale: Le due Renault squalificate dal GP di Suzuka!

La Racing Point aveva ragione. I sospetti trasformati in reclamo formale dopo il round del Giappone nei confronti del Renault, con cui al momento si trova in lotta per la quinta posizione costruttori erano veri.

Secondo quanto rilevato dalla FIA, le due RS19 di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg, a Suzuka, erano state davvero dotate di un ripartitore di frenata attivabile dal box via GPS e non conforme ai dettami del regolamento della massima serie.

Per questo motivo l’australiano, settimo alla bandiera a scacchi, e il tedesco, nono, sono stati privati dei risultati ottenuti e cancellati dall’ordine di arrivo dalla gara.

In pratica, alla squadra di Enstone-Viry, non è stato contestata l’infrazione delle regole tecniche, a quanto pare rispettate, bensì soltanto del codice sportivo, in quanto il sistema adottato aiutava in maniera autonoma e automatica i driver a gestire ed impostare la frenata a seconda della posizione della monoposto rispetto al giro ideale.
-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Una spiata è stata decisiva per la squalifica

Ad invitare l’ex Force India a fare denuncia alla Federazione sarebbe stato un dipendente fuoriuscito dall’equipe della Losanga che, ne avrebbe descritto il funzionamento.

La Renault ha utilizzato soluzioni innovative per sfruttare alcune pieghe delle normative tecniche“, si legge sulla nota federale.

Dal canto loro i transalpini hanno riconosciuto la decisione presa, ma starebbero valutando la possibilità di presentare appello al provvedimento. La risposta dovrebbe giungere entro le 10 di giovedì mattina orario messicano.

Da tutto questo caos ad uscirne beneficiata è stata la Ferrari. Penalizzato di 15” e retrocesso in settima piazza per l’incidente alla curva 2 della tornata iniziale della corsa nipponica con Max Verstappen, Charles Leclerc è così tornato al sesto posto, come in effetti giunto al traguardo due settimane fa.

Chiara Rainis