Ruba i soldi delle cure mediche di suo figlio, il bimbo muore

Un bimbo malato di due anni è morto dopo che suo padre ha speso tutto il denaro raccolto grazie a donazioni per sue cure in droghe, prostitute e alcol.

bimbo morto
Il piccolo João Miguel Alves e suo padre Fonte foto Facebook

Un bimbo brasiliano di 2 anni, malato, è morto dopo che suo padre ha usato il denaro raccolto per le cure mediche, tanto necessarie al bimbo, in prostitute, droghe e festini, secondo i rapporti delle autorità.

Bimbo brasiliano di due anni morto per il folle gesto di suo padre

Il piccolo João Miguel Alves è morto a casa sua, a Salvador, giovedì scorso a seguito di una battaglia persa contro l’atrofia muscolare spinale, che è una malattia degenerativa che causa debolezza muscolare, secondo quanto riferito Metro UK.

Le sue condizioni richiedevano che prendesse dosi di un farmaco costoso, 70.000 dollari a dose, per evitare che la malattia progredisse. Il governo brasiliano aveva pagato le prime tre dosi a patto che i genitori del bimbo provvedessero a pagare quelle successive.

Per finanziare i costosi trattamenti di João Miguel, la sua famiglia ha raccolto più di $ 200.000 per tenerlo in vita, ma i fondi sono stati sprecati dal padre del bimbo, secondo quanto riferito dal sito brasiliano Pleno.

Mateus Henrique Leroy Alves, 37 anni, è stato arrestato il 22 luglio dopo che sua moglie aveva notato numerosi prelievi dal conto, secondo il rapporto.

Secondo quanto riferito, il papà del piccolo João Miguel è stato arrestato in un hotel di lusso dove alloggiava mentre rubava i soldi delle donazioni per il figlio per sperperarli in feste, gioielli e prostitute, oltre che in alcol e droghe.

Mateus Henrique Leroy Alves ha detto agli ufficiali di essere stato estorto, ma le autorità non sono state in grado di trovare prove di un simile tentativo, ha riferito Pleno.

Potrebbe interessati anche: Sondaggi elettorali: c’è una nuova sorpresa tra maggioranza e opposizione

Teresa Franco