Scoperta terribile, trovato camion con 39 cadaveri a bordo

Camion container
(Getty Images)

Trentanove cadaveri sono stati trovati all’interno del container di un camion in un sito industriale nel sud-est di Londra, Inghilterra. Tra le vittime ci sarebbe anche un ragazzino.

Terribile scoperta quella effettuata a Grays, in un sito industriale nel sud-est dell’Inghilterra. All’interno del container di un camion la Polizia ha rinvenuto ben 39 cadaveri, tra cui ci sarebbe anche quello di un adolescente. L’autista del mezzo, un giovane nordirlandese di 25 anni, sarebbe stato arrestato con l’accusa di omicidio. Stando a quanto riportato dai media locali e dalla redazione di Repubblica, sarebbe l’ennesima tragedia legata all’immigrazione clandestina.

Ritrovati nel container di un camion 39 cadaveri: indaga la polizia

Second le prime indiscrezioni trapelate, riporta La Repubblica, pare che il mezzo pesante provenisse dalla Bulgaria e che fosse entrato nel Regno Unito sabato scorso 23 ottobre, dal porto di Holyhead, sito in Galles.

Questo è un tragico incidente in cui un gran numero di persone ha perso la vita“, avrebbe detto in una nota il sovrintendente capo della polizia dell’Essex, Andrew Mariner, riporta l’Agi. “Le nostre indagini sono in corso per stabilire cosa è successo” avrebbe aggiunto. Gli agenti, riporta l’Agi, hanno fatto sapere di essere stati avvisati del container poco prima dell’1:40, dopo la scoperta del camion nel Waterglade Industrial Parkal al cui interno si trovavano dei corpi. “Stiamo identificando le vittime. Tuttavia prevedo che questo potrebbe essere un processo lungo. Crediamo che il camion venga dalla Bulgaria“, avrebbe sottolineato Mariner. Secondo quanto fatto sapere, si ritiene che il camion sia entrato in Gran Bretagna sabato 23 ottobre a Holyhead, dalla punta nord-occidentale del Galles, uno dei porti principali per i traghetti provenienti dall’Irlanda. “Abbiamo arrestato il camionista in relazione all’incidente che rimane in custodia di polizia mentre le nostre indagini continuano“, ha concluso Mariner.

Non è il primo caso ce si sarebbe verificato in Inghilterra. Nel giugno del 2000, infatti, a Dover comune dal quale si scorge la costa francese, precisamente la città di Calais, furono trovati i corpi di 58 migranti cinesi. L’autista, di nazionalità olandese, fu arrestato l’anno successivo con l’accusa di omicidio.