lando norris carlos sainz
Lando Norris e Carlos Sainz (Getty Images)

La McLaren è alla ricerca di una nuova importante sponsorizzazione, dopo che dal Brasile il presidente Jair Bolsonaro ha deciso di recedere dal contratto che lega la compagnia petrolifera Petrobras alla scuderia di Formula 1.

Il contratto è stato stipulato nel 2018 e aveva scadenza 2023, per un valore totale di circa 163 milioni di sterline. L’accordo prevedeva anche la fornitura di carburanti e oli lubrificanti, nonché la condivisione delle tecnologie. Il Governo brasiliano ha deciso di tirarsi indietro, dato che ha ritenuto tale intesa uno spreco di denaro pubblico.

In casa McLaren non sono rimasti fermi e si sono messi alla ricerca di una nuova sponsorizzazione di alto profilo che permettesse di stringere una partnership utile per il futuro. Secondo le ultime indiscrezioni provenienti dalla Russia, è la compagnia Lukoil la maggiore candidata a sostituire Petrobras.

Il portale Championat.com rivela che in occasione del gran premio russo a Sochi c’è stato un incontro tra Zak Brown (amministratore delegato McLaren) e Evgeniy Malinovsky (responsabile di Lukoil Racing) per discutere di una collaborazione. Non è ancora chiaro se l’accordo sia stato raggiunto e sia comunque vicino, né se entrerà eventualmente in vigore già nel 2020 oppure nel 2021.

Lukoil è un colosso petrolifero che ha sede a Mosca, è la più grande compagnia della Russia e tra le maggiori al mondo. Firmare un contratto con McLaren sarebbe una buona soluzione per espandere ulteriormente un marchio comunque già molto conosciuto, ma che con la visibilità della Formula 1 può avere uno slancio aggiuntivo.

Tra l’altro nel 2021 la scuderia di Woking tornerà ad avere motori Mercedes, tornando così alla storica partnership che aveva permesso di vincere due titoli piloti con Mika Hakkinen e uno con Lewis Hamilton. Il team sarà competitivo per ottenere buoni risultati e far felici i propri sponsor, cosa fondamentale.