Scomparsa Angela Stefanini, arriva una svolta: arrestato il compagno della donna

0
311
Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

Angela Stefanini, 48 anni, è scomparsa lo scorso 5 febbraio: durante la scorsa notte, i Carabinieri di Mazara del Vallo hanno arrestato il compagno della donna, Vincenzo Caradonna, 47 anni.

Un giallo quello della sparizione del nulla di Angela Stefanini, bolognese d’origine ma da due anni residente a Salemi (Trapani) di cui si sono perse le tracce dallo scorso 5 febbraio e le cui ricerche sono rimaste infruttuose. Durante la scorsa notte, però, pare ci sia stata una svolta nel caso: i Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, in esecuzione della richiesta di misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Gip di Marsala, hanno arrestato il compagno della donna, Vincenzo Caradonna, 47 anni. L’uomo è indagato per omicidio volontario, distruzione e occultamento di cadavere e detenzione di ordigni esplosivi.

Trapani, nella notte la svolta sul caso della scomparsa di Angela Stefanini: arrestato il compagno Vincenzo Caradonna

Angela Stefanini è ufficialmente scomparsa nel nulla lo scorso 5 febbraio, ma già dalla fine di gennaio la donna non era stata più vista nel piccolo centro siciliano di Salemi, in provincia di Trapani, ed il suo cellulare risultava sempre spento. A denunciarne la scomparsa, riporta La Stampa, l’ex marito, Rosario Scianna, ed il figlio Francesco, 21 anni, il quale aveva immediatamente riferito agli inquirenti che la madre era terrorizzata dal nuovo compagno, descritto come un uomo violento. Di contro, Vincenzo Caradonna accusava padre e figlio poiché, riporta sempre La Stampa, ad avviso dell’uomo avrebbero fatto sparire la compagna per appropriarsi di un’unità immobiliare intestata anche a quest’ultima ma in cui vivevano i due da tempo.

La svolta sarebbe arrivata dopo il ritrovamento da parte dei Ris di tracce di sangue nell’abitazione, già posta sotto sequestro mesi fa, in cui la donna scomparsa viveva con il nuovo compagno Caradonna. Per tale ragione la Procura della Repubblica di Marsala ha avanzato la richiesta di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo durante la scorsa notte di oggi, tra martedì 22 e mercoledì 23 ottobre. Le ipotesi di reato mosse a carico di Vincenzo Caradonna sono  quelle di omicidio volontario, distruzione e occultamento di cadavere e detenzione di ordigni esplosivi. Al vaglio degli inquirenti anche il cellulare della Stefanini e del compagno.

Leggi anche —> Carambola in tangenziale: il drammatico bilancio dello schianto