cuocere la pasta
Come cuocere la pasta al meglio FOTO tuttomotoriweb

Quella di cuocere la pasta è una azione che è propria di noi italiani. Nessuno è meglio di noi in questo, eppure compiamo spesso uno sbaglio.

Cuocere la pasta è una azione alla quale in Italia siamo molto abituati. Nessuno al mondo è come noi quando si tratta di cucinare un primo piatto a base di spaghetti, penne, fusilli e quant’altro. Eppure quella di mettere la pasta a lessare è una azione che spesso compiamo in maniera errata. Il magazine ‘Insider’ ha stilato una regola per spiegare agli statunitensi come fare per cucinare e cuocere la pasta nella maniera migliore possibile. Questo avvalendosi anche di rinomati chef italiani ed italo-statunitensi. Alla fine anche dalle nostre parti c’è chi ha avuto modo di scoprire qualcosa di finora sconosciuto. Una cosa sbagliata è buttare la pasta in acqua alla prima comparsa di bollicine appena l’acqua comincia a bollire. Errore. Per fare ciò, dovremmo prima aspettare che l’acqua sia diventata bollente. Questo garantirà una cottura ottimale. Deve poi essere presente in gran quantità e non solo limitarsi a coprire la pasta.

LEGGI ANCHE –> Emma Marrone malattia: “Quanto dolore, non l’ho detto neanche a mamma” – VIDEO

Cuocere la pasta, come andrebbe fatto

Poi l’acqua di cottura non va buttata: la si dovrebbe impiegare per far legare tra loro la pasta ed il condimento. Cosa questa risaputa da tanti ma non da tutti. Per finire, si consiglia poi di scolare la pasta al dente, in media due minuti prima di quanto indicato sulla confezione. Per finire, ci sarebbe anche un consiglio speciale, che arriva per bocca di Linda Bastianich. La mamma del rinomato chef Joe fa sapere che, a seconda del tipo di pasta scelto, andrebbe abbinato ad esso un particolare condimento. Ad esempio quella più lunga e piatta è assai indicata per panna ed olio. Invece le tipologie di pasta corta si sposano al meglio con dei condimenti dal sapore in grado di incidere di più, come il pesto.

LEGGI ANCHE –> Ragazza morta discoteca, la terribile ipotesi sul decesso: sua madre si sente male