Influenza, primo caso grave: l’uomo finisce in rianimazione

La Società italiana di terapia antinfettiva ha reso noto il primo caso grave di influenza: un uomo ad Udine è stato ricoverato in rianimazione.

tumori influenza caso grave
Ospedale (Getty Images)

L’influenza di quest’anno, il 2019, sarà più pericolosa di quelle degli anni scorsi, come vi avevamo raccontato in questo articolo Nuova stagione influenzale: “Virus più insidiosi, colpirà circa 6 milioni di persone”.

Influenza, primo caso grave: l’uomo finisce in rianimazione

Quest’anno il virus è giunto dall’emisfero meridionale che sta per abbandonare la stagione invernale. Nel nostro Paese è già stato segnalato il primo caso grave di influenza. Un cinquantenne è stato ricoverato ad Udine, nel reparto di rianimazione dell’ospedale.

Nonostante il paziente stia attualmente migliorando, dopo tre settimane di ospedalizzazione, questo episodio è particolarmente grave perché l‘uomo non era affetto da altre patologie. Generalmente i virus influenzali sono pericolosi esclusivamente per pazienti debilitati, con determinate patologie e anziani. Il caso di Udine dimostra che l’influenza di quest’anno è aggressiva come previsto.

Quello che è capitato al cinquantenne, che per la sua storia clinica e per la sua età non era potenzialmente a rischio, potrebbe capitare praticamente a chiunque. Il Sita, cioè la Società italiana di terapia antinfettiva, dopo aver reso pubblico il ricovero avvenuto a Udine, sottolinea il bisogno per i cittadini di fare il vaccino antinfluenzale quest’anno.

Il presidente del Sita, Matteo Bassetti, ha sottolineato che potrebbe ripetersi ciò che è accaduto in Australia e in altri Paesi dell’emisfero meridionale: la diffusione di diversi virus antinfluenzali come l’H1N1, l’H3N3 e il virus B.

Il primo caso di malattia da virus influenzale si è verificato quest’anno già il 25 settembre a Parma. Il soggetto colpito è stata una bimba di 6 anni, che ha subito un ricovero nella pediatria generale e d’urgenza.

Potrebbe interessarti anche: Dolore al seno, non è sempre il sintomo di un cancro: dietro altre patologie     

Teresa Franco