La Alfa Romeo Racing sulla griglia di partenza del Gran Premio del Giappone 2019 di F1 a Suzuka (Foto Alfa Romeo)
La Alfa Romeo Racing sulla griglia di partenza del Gran Premio del Giappone 2019 di F1 a Suzuka (Foto Alfa Romeo)

F1 | La clamorosa indiscrezione: Alfa Romeo pronta a lasciare la Formula 1?

A soli due anni dal suo ritorno in Formula 1, la Alfa Romeo ci starebbe già ripensando. I vertici della Casa del Biscione starebbero rivalutando la presenza del marchio nel Mondiale a quattro ruote, con la prospettiva di dire nuovamente addio al termine della prossima stagione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Questo, almeno, è ciò che sostiene un giornalista esperto e solitamente ben informato come Joe Saward: lo stesso, per intenderci, che ultimamente ha rivelato in anteprima il nuovo matrimonio tra McLaren e Mercedes. Il collega inglese, nell’ultimo articolo scritto sul suo blog personale, mette questa notizia chiaramente nero su bianco: “La Alfa Romeo non sta andando molto bene sul mercato dell’auto e si ritiene molto improbabile che la partnership con la Sauber prosegua dopo il 2020”.

Se questa indiscrezione si dovesse effettivamente verificare, sarebbe una pessima notizia per tutto il mondo dell’automobilismo italiano, ma ancora peggiore per la Sauber, che aveva puntato proprio sul costruttore lombardo per il suo rilancio: “Questo significherebbe che i proprietari dovrebbero trovare un altro sponsor della stessa portata, oppure pagare da soli per l’attività del team”, prosegue Saward.

Senza Alfa Romeo, la Sauber punta a Honda

A giustificare questa presunta retromarcia dell’Alfa Romeo non ci sarebbero soltanto le difficoltà economiche dell’azienda, ma anche il rendimento della scuderia rivelatosi finora ampiamente deficitario rispetto alle aspettative. “I risultati del team quest’anno sono stati piuttosto deludenti e sembra che le relazioni interne allo staff non siano ottime, anche se davanti alle telecamere si vedono solo sorrisi”, prosegue il giornalista. “Alcuni osservatori sostengono che diventare una squadra satellite della Ferrari non si sia rivelata una mossa corretta, in particolare se si considera che il precedente management della Sauber stava lavorando ad un contratto con la Honda, che ultimamente si sta comportando piuttosto bene con la Red Bull e la Toro Rosso”.

Ma, nel caso di un prematuro divorzio tra la Sauber e il gruppo FerrariAlfa Romeo, che soluzione potrebbe trovare la squadra svizzera per proseguire la sua presenza in Formula 1? “Con il passaggio della McLaren ai motori Mercedes per il 2021, non c’è spazio perché la Sauber faccia la stessa cosa, anche se Fred Vasseur è molto vicino a Toto Wolff e sembra trascorrere la maggior parte del tempo sui circuiti insieme all’austriaco, anche se Wolff passa spesso le serate in compagnia di Lawrence Stroll della Racing Point. La Honda potrebbe essere interessata ad aiutare la Sauber per portare piloti giapponesi in F1, se ottenessero un po’ più di successo con la Red Bull, ma non si tratterebbe dello stesso tipo di rapporto che era stato discusso prima della decisione di allearsi con la Ferrari”.