Russell lancia l’allarme: “I freni della Williams non funzionano”

0
138
George Russell, Williams (Getty Images)

F1 | Russell lancia l’allarme: “I freni della Williams non funzionano”

Dopo lo scandaloso doppio ritiro in Russia dovuto alla mancanza di pezzi di ricambio, la scuderia di Grove è tornata alla ribalta con una nuova problematica poco edificante.

A renderla nota è uno dei due piloti ufficiali, ovvero George Russell che, dopo il round nipponico, non ha nascosto la propria preoccupazione per quanto sta succedendo alla Williams. Nello specifico, ad agitare l’animo del giovane inglese, sarebbe l’impianto frenante della sua FW42 decisamente poco funzionante.

Non possiamo andare avanti con questi freni“, le parole allarmate del pupillo Mercedes riprese da F1i.com. “Sono veramente catastrofici. Ti possono abbandonare da un momento all’altro. Credo dunque che sia una cosa da sistemare”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In corsa poi è particolarmente difficile, ossia ci si trova a spingere il pedale senza alcuna fiducia e di conseguenza a compromettere il ritmo. A mio avviso basterebbe renderli un po’ più costanti, in quanto in alcuni giri funzionano, in altri di meno. Bisognerà quindi rivedere i dati e capire perché“, ha proseguito nell’attacco.

Un’accusa, questa, piuttosto grave da parte del 21enne che se fosse vera getterebbe un’ombra oscura sulla scuderia britannica, disposta a mandare in pista in suoi ragazzi su monoposto poco sicure.

Tra l’altro non è la prima volta questa settimana che il team fondato da Frank Williams negli anni ’70 viene criticato pubblicamente. Anche Robert Kubica aveva punzecchiato l’equipe a proposito di un’ala anteriore aggiornata misteriosamente scomparsa dalla sua vettura proprio prima dell’inizio della giornata di domenica in Giappone, quando a causa del passaggio sulla zona del Tifone Hagibis, erano state rimandate le qualifiche. In quell’occasione il polacco, a sessione appena cominciata, si era reso protagonista di un incidente con tanto di bandiera rossa.

Chiara Rainis