Marquez da un tabù all’altro: domani deve spezzare l’ultima maledizione

0
686
Marc Marquez sulla Honda dopo le qualifiche del Gran Premio del Giappone 2019 di MotoGP a Motegi (Foto MotoGP)
Marc Marquez sulla Honda dopo le qualifiche del Gran Premio del Giappone 2019 di MotoGP a Motegi (Foto MotoGP)

MotoGP | Marquez da un tabù all’altro: domani deve spezzare l’ultima maledizione

Ora che ha in tasca anche la matematica certezza del suo ottavo titolo mondiale, a Marc Marquez mancano veramente pochi risultati da aggiungere al suo già ricchissimo palmares. Uno di questi, in compenso, lo ha centrato proprio oggi: delle novanta pole position conquistate in carriera, il Cabroncito non era mai riuscito ad ottenerne una nel Gran Premio del Giappone di MotoGP.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La partenza al palo di domani a Motegi, dunque, per lui sarà una prima volta assoluta: e ora può dire di aver ottenuto il miglior tempo in qualifica su tutti i circuiti presenti nell’attuale calendario. E su tutti quelli in cui ha corso nella classe regina, tranne uno: quello di Laguna Seca, dove la gioia nella sua stagione di debutto, il 2013, gli fu rubata da Stefan Bradl, oggi collaudatore alla Honda.

Marquez cade sempre dopo il titolo

Un piccolo tabù spezzato, insomma, da parte del fuoriclasse catalano, a cui domani tenterà di affiancarne un altro: non cadere nella gara successiva a quella in cui ha conquistato il campionato del mondo. Finora, in MotoGP, gli è sempre successo: se si esclude il 2013 e il 2017, quando vinse il Motomondiale solo all’ultima gara, sia nel 2014 che nel 2016 che nel 2018 si aggiudicò in tutti e tre i casi l’iride in Giappone e poi finì per terra al GP dopo, in Australia.

Stavolta che ha anticipato di una gara la conquista aritmetica del titolo, nella gara di casa della sua Honda punterà invece a vincere. E vista la partenza dalla pole e il passo gara eccellente messo in mostra nelle prove, sembra avere tutte le carte in regola per riuscirci. A meno che non lo colpisca di nuovo la solita maledizione della caduta. Uno dei pochi ostacoli che deve ancora riuscire a superare nel corso della sua sfolgorante carriera.

Leggi anche —> MotoGP, Marquez: “Ho un dubbio per la gara”