(Image by motor1)

Quando si guarda alla linea Alfa Romeo, vengono in mente modelli come la Guilietta, la Spider e la GTA ad esempio.

Ma la bella Montreal, introdotta nel 1970, va spesso trascurata. Forse perché era un’alternativa più economica e meno appariscente della Jaguar E-Type e alla Porsche 911. Tuttavia, un designer ha mostrato la sua interpretazione di una Montreal moderna.

Luca Serafini (lo stesso artista di rendering dietro il concept della Mustang SUV) presenta la sua visione futuristica della vecchia scuola Alfa Romeo Montreal. Ed è stupefacente.

L’ha chiamata “Montreal Vision GT” e, come altri concept a marchio Vision GT, questo sarebbe stato disponibile nel famoso videogioco Gran Turismo Sport. Ma questo concept è più di un semplice sguardo a ciò che potrebbe essere; Serafini incanala la sua storia personale in questa bella creazione.

(Image by Motor1)

Nel 1986, mio padre comprò un’Alfa Romeo Montreal arancione brillante”, osserva Serafini. “Era tutto originale, tranne l’impianto di scarico. Ricordo la notte in cui è tornato a casa con il V8. L’ha parcheggiata nel garage posteriore. Il fumo lo circondava, e la prima cosa che ho visto sono state le luci di coda rosse e le marmitte cromate”.

“Da ragazzo, posso dire che è stato l’inizio del mio crescente amore per il mondo dell’automobile. Spesso scendevo di sotto per scoprire l’Alfa arancione e vederne i riflessi, le linee e le forme. Sentivo l’odore degli interni in pelle e mi comportavo come un pilota professionista. Mi è piaciuto molto il volante concavo, soprattutto. Oggi non è un un qualcosa di incredibile, ma per me lo era”.

I confronti visivi con la Montreal originale sono ovvi. La caratteristica griglia triangolare Alfa Romeo, le prese d’aria montate sul cofano e i doppi fari con raffinate prese d’aria sono tutti presenti. Possiamo solo sperare che una versione moderna dell’originale V8 da 2.6 litri di Montreal (magari con l’aiuto di un motore elettrico) possa trovare la sua strada fino a noi.