Marco Melandri
Marco Melandri (Getty Images)

Era il 9 luglio quando Marco Melandri comunicava ufficialmente il proprio ritiro dal campionato mondiale Superbike a fine stagione. Un addio un po’ a sorpresa, anche se i risultati in pista non erano dei migliori.

Lasciare la SBK, però, non significa lasciare definitivamente il mondo delle corse. Infatti, il pilota ravennate non ha nascosto di essere tentato da un’avventura nel nuovo campionato MotoE, sicuramente meno stressante dati i pochi appuntamenti in calendario e le scarse pressioni.

Superbike, il team Barni Racing vuole Melandri?

Secondo quanto rivelato dal settimanale Motosprint, esiste ancora una possibilità di vedere Melandri nel campionato mondiale Superbike nel 2020. Si tratta del team Barni Racing, che sta provando ad ingaggiare proprio il 37enne romagnolo.

L’attuale pilota del team GRT Yamaha è interessato ed è disposto a rivedere la propria decisione di ritirarsi dal WorldSBK per correre nella squadra diretta da Marco Barnabò. Il suo manager Alberto Vergani ha confermato: «Marco ha bisogno di un ingaggio. Chiarito quello, non ci sono ostacoli tecnici. Vorrebbe salire sulla V4 e con Barni c’è fiducia reciproca».

I presupposti per un “matrimonio” sembrano esserci, ma l’ostacolo può essere Ducati. Infatti, Melandri non si è lasciato bene con la casa di Borgo Panigale e Barnabò vuole evitare di mettersi contro lo storico partner. Se da Bologna dovesse arrivare il via libera, tutt’altro che scontato, allora l’operazione potrebbe anche andare in porto.

Il team Barni Racing comunque deve pensare pure alle coperture finanziarie, sperando in qualche sponsor disposto a investire nella squadra per la stagione 2020. E se Ducati non dovesse concedere l’ok per l’arrivo di Melandri? L’alternativa pare già pronta: si tratta di Leon Camier. Barnabò a Motosprint ha già dato un indizio chiaro: «Camier è un’opzione molto probabile, ma non ho ancora concluso un accordo con Leon perché sto cercando di prendere Melandri».

Il 33enne britannico è reduce da un’annata sfortunata a causa dei problemi fisici. Ha saltato ben sei round del campionato e nel 2020 vuole riscattarsi. Honda ha deciso di non confermarlo nel proprio team ufficiale, dove approderà Alvaro Bautista. Affianco allo spagnolo dovrebbe esserci Yuki Takahashi, ancora da ufficializzare. Un posto potrebbe esserci nella squadra Moriwaki, ma i piani non sono chiari.

Di conseguenza Camier ha trattato con altre strutture e, se dovesse saltare l’opzione Melandri, dovrebbe essere lui il prossimo pilota del team Barni Racing. Lui in Superbike ha già guidato Yamaha (da wildcard), Aprilia, Suzuki, MV Agusta e Honda. Nel 2020 potrebbe salire su una Ducati. Non dovesse trovare spazio nel Mondiale SBK, potrebbe fare rientro nel British Superbike Championship (BSB).