meningite
Ospedale (Getty Images)

Ad una ragazza 19enne di Gillingham nel Regno Unito, che lamentava forti dolori al ventre, è stato diagnosticato l’utero Didelfo, una rara malformazione per cui un soggetto possiede due organi riproduttivi: nel caso della giovane due vagine.

Alla 19enne Molly-Rose Taylor, di Gillingham nel Regno Unito, è stato diagnosticato nel 2017 l’utero Didelfo, una rara malformazione per cui un soggetto possiede due organi riproduttivi: nel caso della giovane due vagine. Per anni la giovane ha sofferto di dolori lancianti al basso ventre, ma solo recentemente i medici sono riusciti ad individuare una parete di tessuto di 2 cm che divide la sua vagina. La ragazza, sin dall’età di 9 anni, lamentava il fatto che pur utilizzando un tampone durante il ciclo mestruale continuava ad avere delle perdite: il motivo risiedeva proprio nel fatto di possedere due organi riproduttivi.

Giovane ragazza lamenta dolori lancinanti: medici le diagnosticano l’utero didelfo

Dall’età di nove anni, la 19enne inglese MollyRose Taylor, lamentava lancinanti dolore al basso ventre e quando utilizzava un tampone assorbente durante il ciclo, il sangue mestruale continuava a fuoriuscire. Sottopostasi a numerose visite, solo di recente i medici le hanno diagnosticato l’utero didelfo: una rara malformazione per cui un soggetto possiede due organi riproduttivi che nel caso della giovane si è tradotto in due vagine divise da uno strato di tessuto spesso 2 centimetri.

A seguito della bizzarra scoperta da parte dei medici, riporta la redazione di Fanpage, la giovane ha subito un’operazione delicatissima, poiché la sua vita era diventata un vero incubo: “Quando ho iniziato ad avere le mestruazioni, mi accorgevo di avere sempre delle perdite usando i tamponi, però pensavo che forse era normale– avrebbe riferito la giovane, riporta la redazione di FanpageHo cominciato a preoccuparmi quando non sono diventata sessualmente attiva con il mio allora fidanzato: fare sesso era impossibile e molto doloroso“. Dall’esterno l’individuazione della parete che divide la sua vagina è impossibile, pertanto i medici, all’inizio le consigliarono una terapia per curare una malattia sessualmente trasmissibile: “Prima della diagnosi mi è stato consigliato di sottopormi anche ad un test per una possibile malattia a trasmissione sessuale dovuta a sanguinamento e perdite anomale. In quel periodo – avrebbe affermato Molly-Rose Taylor, riporta Fanpageavevo degli insopportabili crampi. Mi sentivo come delirante e spesso perdevo i sensi“.

La giovane, come da lei stessa dichiarato, ha appreso della sua rara malformazione soltanto nel 2017, lamentando una cattiva informazione su un problema che affligge una donna su 3.000. Le donne affette da tale patologia non dovrebbero riscontrare grandi problemi in gravidanza, ma il rischio di aborto sarebbe esponenzialmente aumentato. Nell’agosto 2017, riporta la redazione di Fanpage, la giovane è stata sottoposta ad una delicatissima operazione di rimozione del setto longitudinale, lo strato di tessuto spesso 2 cm che le divideva la vagina, presso l’University College London Hospital.

Leggi anche —> Processo bambino ucciso a Cardito: ricostruita l’agghiacciante scena del crimine