Pringles Prosecco, sequestrati centinaia di lotti in Veneto

0
98
Pringles Prosecco
Sequestro Pringles Prosecco FOTO tuttomotoriweb

Nei supermercati del Nord-Est svariate confezioni di Pringles Prosecco sottoposte a sequestro, esultano Ministero delle Politiche Agricole e Regione Veneto.

Numerosissime confezioni di Pringles Prosecco e pepe rosa sono state sequestrate in Veneto. La disposizione ha riguardato centinaia di lotti venduti all’interno di vari supermercati della Regione. Il motivo riguarda la mancata autorizzazione a vendere il prodotto con la dicitura ‘Prosecco’, che indica per l’appunto il celebre vino prodotto in Veneto come anche in Friuli-Venezia Giulia. Il suo nome è a Denominazione di Origine Controllata. Negli ingredienti riportati sul retro di ogni confezione di Pringles Prosecco desta sospetti poi una non specificata “polvere di Prosecco”. Teresa Bellanova, ministro delle Politiche Agricole, giustifica il provvedimento attuato e fa riferimento a “furto di identità, un reato che non può essere consentito”. La stessa Bellanova informa che le patatine con il celebre marchio vengono prodotte da una società con sede in Olanda e che ha la licenza per commercializzarle su tutto il territorio europeo.

LEGGI ANCHE –> Uomo si risveglia al suo funerale: “Tiratemi fuori dalla bara”, poi la svolta – VIDEO

Pringles Prosecco, Regione Veneto e Ministero Politiche Agricole in rivolta

Avendo le autorità del nostro Paese riscontrato un utilizzo di nomi di vini Dop e Doc senza autorizzazione del Consorzio, il provvedimento di sequestro è stato reso operativo. “Questa è una dimostrazione di come il Ministero delle Politiche Agrigole e l’Icqrf (Ispettorato centrale repressione frodi) si impegnino per combattere qualunque manifestazione di sfruttamento indebito e di usurpazione di nomi di eccellenze italiane protetti. Tuteliamo i nostri prodotti sia in Italia che all’estero e sul web”. Le fa eco il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. “Usare una denominazione tutelata senza alcuna autorizzazione è un qualcosa sul quale non possiamo soprassedere”.

LEGGI ANCHE –> La Zanzara, Susanna in diretta: “Faccio il mestiere più vecchio del mondo per i miei figli”