Alex Rins
Alex Rins (Getty Images)

Il campionato MotoGP 2019 è ormai nella fase conclusiva e mancano solamente quattro gran premi al termine. Il titolo piloti è già assegnato, ma la battaglia in pista continuerà senza esclusione di colpi.

In questo weekend si corre in Giappone e ci sono rider che si stanno giocando le posizioni dietro il campione Marc Marquez. Secondo c’è Andrea Dovizioso a quota 215, apparentemente tranquillo ma con Alex Rins a 167 che è terzo e vorrebbe recuperare punti a Motegi.

MotoGP, Rins vuole la posizione di Dovizioso: ma deve guardarsi dietro

Rins oggi in Giappone non ha nascosto il desiderio di provare a fare un “dispetto” a Dovizioso, pur consapevole della difficoltà della sua impresa: «E’ ancora possibile arrivare secondo. Sono a 48 punti e dovremo vedere anche come andrà lui. Giappone e Malesia sono piste abbastanza buone. Stiamo lottando pure con Vinales e Petrucci. Spero di avere un buon finale di stagione».

Il pilota della Suzuki sa di doversi anche guardare dietro. Infatti, ci sono Maverick Vinales (163 punti) e Danilo Petrucci (162) a poca distanza da lui. Più probabile che la lotta riguardi la terza piazza che la seconda della classifica generale MotoGP. Ovviamente nulla è mai scontato, ma Dovizioso con la Ducati cercherà di confermarsi vice-campione per il terzo anno di fila.

Rins nel 2019 ha conquistato le sue prime due vittorie in MotoGP, ad Austin battendo Valentino Rossi e a Silverstone beffando Marc Marquez. Un’annata di crescita per lui e la Suzuki. Nelle ultime quattro gare c’è la volontà di confermarsi nelle prime posizioni, come era già avvenuto nel finale del 2018.

Il pilota spagnolo un anno fa chiuse terzo a Motegi, quinto a Phillip Island, secondo a Sepang e Valencia. Il suo auspicio è chiaramente quello di stare davanti e magari riuscire ad ottenere il terzo successo. Sulla scia di questi risultati si può lavorare ulteriormente meglio in ottica 2020.