Mick Schumacher (©Getty Images)

F1 | “Mick Schumacher iridato”. La discutibile previsione della manager

Non fosse per la sua aria mite, a tratti timida, e composta che conquista umanamente, dal punto di vista sportivo Mick Schumacher non è finora stato in grado di convincere.

Il 20enne è infatti riuscito ad attirarsi le sole simpatie soltanto dei nostalgici di papà Michael e dei tifosi Ferrari, per il resto, è bene dire, che nel paddock lo scetticismo circa le sue abilità di guida è tanto.

A pensarla diversamente e vedere per il figlio d’arte un futuro roseo e glorioso, la sua attuale manager Sabine Kehm. Sono sicura che prima o poi arriverà nel Circus e personalmente spero che sia il prima possibile“, ha dichiarato la procuratrice al quotidiano Die Welt.

Vincitore della F3 europea e non particolarmente brillante in F2 dove ha debuttato proprio nel 2019, Schumi Jr. ha dalla sua l’essere diventato membro della Ferrari Driver Academy. Una mossa scaltra e importante che potrebbe abbreviargli e di molto il percorso di avvicinamento, specialmente ora che la Sauber è diventata Alfa Romeo e di conseguenza una sorta di team minore della Rossa per svezzare i suoi nuovi talenti.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sono altrettanto convinta che nella massima serie saprà fare bene perché già lo sta facendo ora. La mia conclusione è quindi che sarà in grado di esaudire il proprio sogno, ossia diventare campione del mondo“, ha proseguito forse con un eccesso di fiducia.

Sebbene a suo favore giochi l’effetto rookie, il pilota Prema si è messo in evidenzia in una sola occasione quest’anno nella serie cadetta, in Ungheria prima della pausa estiva, motivo per cui ad oggi occupa una mediocre 12esima posizione nella generale.

Purtroppo è stato molto sfortunato e anche se ha ancora molto da imparare, possiede grandi doti analitiche e sa correggersi. Ecco perché ritengo possa conquistare l’iride. Alla fine ciò su cui stiamo lavorando“, ha ribadito la 54enne.

Chiara Rainis