Si scaglia contro la moglie: giovane madre di 23 anni in condizioni gravissime

0
769
Giulia Lazzari ed il marito Roberto Lo Coco
Giulia Lazzari ed il marito Roberto Lo Coco (foto dal web)

Sono gravissime le condizioni di Giulia Lazzari, la giovane madre 23enne che la scorsa settimana è stata strangolata dal marito Roberto Lo Coco ad Adria (Rovigo). L’uomo è stato trasferito in carcere con l’accusa di tentato omicidio.

Sono ore di apprensione e profondo dolore ad Adria, comune in provincia di Rovigo, dove una giovane madre sta lottando tra la vita e la morte dalla scorsa settimana, dopo che il marito l’aveva strangolata. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti sino ad ora, la ragazza, Giulia Lazzari di 23 anni e madre di una bimba di 4, sarebbe stata aggredita dal marito, Roberto Lo Coco, al culmine di un litigio dell’abitazione dove vivevano. Giulia adesso è ricoverata presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo in condizioni gravissime con un edema cerebrale molto esteso e danni al cervello gravissimi.

Strangola la moglie e poi tenta il suicidio: giovane madre di 23 anni in condizioni gravissime

La giovane madre di 23 anni, Giulia Lazzari, sarebbe in condizioni gravissime ed i medici dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, dove si trova ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva dallo scorso 8 ottobre, avrebbero parlato di morte cerebrale. Giulia, come riportato dalla redazione di Fanpage, madre di una bambina di 4 anni, sarebbe in coma farmacologico con un edema cerebrale molto esteso e danni al cervello gravissimi provocati dal marito, Roberto Lo Coco di 28 anni, che l’aveva strangolata. L’aggressione, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, era avvenuta al culmine di un litigio lo scorso 8 ottobre all’interno dell’abitazione di Adria (Rovigo) dove i due risiedevano. Il 28enne disoccupato, dopo aver strangolato la giovane moglie, aveva provato a togliersi la vita impiccandosi, ma il fratello che era giunto in casa aveva lanciato l’allarme. Lo Coco, come riporta Fanpage, dopo essere stato curato presso il reparto di igiene mentale dell’ospedale di Adria è stato trasferito in carcere in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip con l’accusa di tentato omicidio. Secondo alcuni conoscenti il movente della brutale aggressione potrebbe essere legato ad una crisi matrimoniale che la coppia stava attraversando nell’ultimo periodo.

Leggi anche —> Torna a casa e uccide il padre con un’ascia: l’agghiacciante motivazione del gesto