Dramma in casa: comandante dei carabinieri si toglie la vita

Carabinieri hiv messina
Carabinieri (foto dal web)

Il comandante dei carabinieri della stazione di Pieve di Teco, in provincia di Imperia, Antonio Zappatore di 53 anni, si è tolto la vita impiccandosi all’interno della propria abitazione.

Dramma a Pieve di Teco, piccolo comune in provincia di Imperia. Nel pomeriggio di ieri, martedì 15 ottobre, il comandante della locale stazione dei carabinieri, Antonio Zappatore, si è tolto la vita. Non sono stati resi noti i particolari della tragedia, ma pare che il militare dell’Arma 53enne si sia suicidato impiccandosi nella propria abitazione sita a Valcona, frazione del comune di Mendatica (Imperia). Sul posto sono arrivati i colleghi della vittima che adesso stanno cercando di ricostruire l’accaduto e soprattutto risalire ai motivi che hanno spinto Zappatore a compiere l’estremo gesto.

Dramma nella provincia di Imperia: comandante dei carabinieri si toglie la vita impiccandosi

Il comandante della stazione di Pieve di Teco, piccolo comune di poco più di mille abitanti in provincia di Imperia, si è tolto la vita. Non sono stati forniti i dettagli della tragedia, ma pare, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione di Fanpage, che il militare dell’Arma, Antonio Zappatore di 53 anni, si sia impiccato all’interno della sua abitazione di Valcona, frazione di Mendatica (Imperia). Sul posto, come riporta Fanpage, sono intervenuti i colleghi del 53enne del comando provinciale diretti dal colonnello Andrea Mommo. Zappatore era divenuto comandante della stazione di Pieve di Teco da circa un anno dopo essere subentrato al collega Giulio Tortorolo, congedatosi dal servizio per sopraggiunti limiti di età. Come riporta Fanpage, secondo i colleghi il 53enne negli ultimi tempi era apparso preoccupato, probabilmente per le condizioni di salute della madre anziana, ma mai nessuno si sarebbe aspettato un gesto simile.  Zappatore, che aveva dedicato la sua vita all’Arma come il fratello ed il padre partecipando anche ad alcune missioni all’estero (Iraq e Kosovo), lascia due figlie e la compagna, una commessa in un erboristeria sull’Argine. Una volta diffusasi la notizia, numerosi i messaggi di cordoglio sono arrivati alla famiglia del carabiniere anche attraverso i social network.

Leggi anche —> Roma, grave incidente sulla Cassia: bus si schianta contro un albero