Antonino Cannavacciuolo, avete mai visto la moglie Cinzia? Foto

0
670

antonino cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo è uno degli chef italiani più famosi, ma avete mai visto la moglie Cinzia Primatesta? Ecco chi è la signora Cannavacciuolo.

Antonino Cannavacciuolo non è pìù solo uno chef essendo diventato uno dei personaggi televisivi più amati. Oltre ad essere giudice di Masterchef Italia, infatti, è anche il padrone di casa di programma di grande successo come Cucine da incubo e O mare mio. Lo chef, però, è anche un padre e un marito e dietro il successo di Cannavacciuolo c’è proprio la moglie, ma voi avete mai visto Cinzia Primatesta?

Cinzia Primatesta è la moglie di Antonino Cannavacciuolo: ecco chi è

Cinzia Primatesta è originaria di Omegna, un comune sul lago d’Orta. Ha 42 anni e fa parte di una famiglia di albergatori. Prima di convolarea nozze con lo chef è stata una manager ed attualmente gestisce una catena di alberghi oltre ad occuparsi dei ristoranti insieme al marito.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Cinzia Primatesta ha spiegato di essere stata proprio lei a spingere il marito a fare televisione.

“Ce l’ho portato io. Pensavo che la televisione ci avrebbe aiutato a crescere. (…) Quando gli proposero di fare la prima edizione di Masterchef, disse: “Ma che è questo Masterchef?”. Io lì non fui abbastanza pronta a convincerlo. Quando però da Endemol lo cercarono per proporgli Cucine da incubo, presi io la telefonata. Gli riferii che volevano fargli un provino a Roma, mi rispose che avrebbe valutato solo se fossero venuti loro qui”.

Sul ristorante Villa Crespi, la signora Cannavacciuolo dice: “Oggi solo qui siamo in 54 e nell’intero gruppo gestiamo 130 persone. Ma quando abbiamo aperto eravamo in 15 a fare tutto. Finivamo sempre oltre l’una di notte. Senza mai giorno di chiusura. Sono stati anni durissimi. Anche se sono contenta di essermi sacrificata tanto. Tony ha sofferto lo stress. E così è ingrassato. Quando l’ho conosciuto pesava 82 chili per un metro e novanta di altezza. Era magro”.