Falvio Briatore (©Getty Images)

F1 | Il consiglio di Briatore: “La Ferrari riduca Vettel a seconda guida”

Flavio Briatore ha le idee chiare. Secondo l’ex responsabile della Benetton Renault la Rossa dovrebbe ridimensionare Vettel, partito nel 2019 con i galloni da numero 1, e farlo diventare la spalla del rampante Leclerc, autore finora di sei pole position, di cui quattro consecutive, e di due successi di tappa su circuiti mitici come Spa e Monza.

Charles è più veloce di Sebastian. È pronto per vincere il titolo, è un predestinato”, ha sostenuto alla trasmissione radio “La politica nel pallone” su GR Parlamento. “Se fossi io il team principal sceglierei lui come prima guida. Il monegasco è un talento, è aggressivo e riesce a far andare forte la macchina“.

Per il geometra di Verzuolo a Maranello dovrebbero finirla altresì con la finta politica del “volemose bene, si parte tutti alla pari”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il gioco di squadra lo fanno tutti, ma sono solo chiacchiere“, ha attaccato. “Bisogna invece scegliere un pilota per il mondiale e l’altro deve mettersi a disposizione, altrimenti la vittoria non arriva mai. Seb può restare perché è un buon driver, ma solo nel ruolo da secondo“.

Con la sua solita vena tra il critico e il polemico il 69enne ha affondato puree la gestione Binotto. “L’augurio è che ci si possa rifare nel 2020, tuttavia ogni anno ci troviamo a dover sperare nel successivo. Per aggiudicarti il titolo devi essere perfetto“, ha considerato. “Puoi sbagliare una gara, però sul lungo termine devi essere al top. Al massimo quando non sei competitivo fare 3° o 4°. Se fossi io il dirigente parlerei a tutti quanti e inviterei ognuno a prendersi le proprie responsabilità. In F1 se qualcosa non va cambiata subito. Io credo che il Cavallino sia un team solido, ma bisogna fare delle prove di pit-stop, avere più visione su cosa succede in corsa ricordando che ci sono pure gli avversari, parlare con i piloti: certe ca****e non le possono fare”.

Chiara Rainis