Ilaria Di Roberto
Ilaria Di Roberto (foto dal web)

Ilaria di Roberto, scrittrice italiana emergente, è una delle prime vittime del reato di Revenge Porn: in rete avrebbero iniziato a girare dei fotomontaggi che la ritraggono nuda e qualcuno le avrebbe fatto sapere che esisterebbe un gruppo Whatsapp dove si parla di lei.

Ilaria Di Roberto, scrittrice italiana emergente, originaria di Cori un piccolo paese sui monti Lepini, in provincia di Latina, sarebbe una delle prime vittime del reato di Revenge Porn. Tale fattispecie criminosa è stata inserita recentemente all’interno del nostro codice penale tramite il cosiddetto Codice Rosso all’art. 612 ter e rubricato “Diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti“. La giovane 29enne sarebbe il bersaglio di qualche criminale che ha utilizzato il suo volto per incollarlo su corpi nudi facendo poi girare i fotomontaggi in rete. Ilaria Di Roberto ha presentato denuncia alla Polizia Postale la quale ha trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica.

Vittima del Revenge Porn: stravolta l’esistenza di una giovane scrittrice emergente

Una triste vicenda raccontata direttamente dalla giovane Ilaria Di Roberto alla redazione di Leggo. La 29ene, giovane scrittrice italiana emergente, avrebbe riferito al quotidiano la propria storia, affermando che la sua vita e la sua reputazione sarebbero state irrimediabilmente distrutte. Qualcuno, di cui ancora non si conosce l’identità, avrebbe iniziato a far circolare in rete dei fotomontaggi della scrittrice: il volto di Ilaria Di Roberto sarebbe stato apposto, tramite un programma di grafica, su dei corpi nudi e le immagini divulgate. Un’esistenza, riporta il quotidiano Leggo, rovinata quella della giovane che ad oggi dichiara di non poter più condurre serenamente la propria esistenza.

Ilaria Di Roberto avrebbe affermato: “Adesso capisco – riporta Leggocosa vuol dire essere vittima di cyberbullismo e di vendette porno “. La giovane avrebbe poi aggiunto: “Non si vive più serenamente. Mi sto rendendo conto perché ragazze come Tiziana Cantone ed altre abbiamo scelto di morire anziché combattere. Qui ci conosciamo tutti, dopo la pubblicazione del mio libro dal titolo ‘Anima’ la mia notorietà era aumentata ma adesso, dopo che hanno visto i fotomontaggi hard – riferisce la giovane scrittrice alla redazione di Leggo- pubblicati a mia insaputa su Facebook e altri social, molte persone mi hanno tolto il saluto. Cammino in strada e la gente fa finta di non vedermi o gira l’ angolo per non incrociarmi. Ho la vita rovinata da questi delinquenti, nonostante tutto voglio combattere“.

Ilaria Di Roberto ha presentato denuncia alla Polizia Postale la quale ha trasmesso l’informativa di reato alla Procura della Repubblica.

Leggi anche —> Mangia un pezzo di torta bollente e muore: ustioni interne uccidono 51enne