Gianluca Vialli
Gianluca Vialli (foto dal web)

L’ex giocatore Gianluca Vialli, in cura per un tumore al pancreas, a breve potrebbe diventare il nuovo capo della delegazione della Nazionale italiana. Durante l’annuncio, Vialli ha parlato anche della sua malattia.

La Nazionale Italiana di Roberto Mancini ieri sera ha battuto la Grecia per 2-0 ed è riuscita a qualificarsi al prossimo Europeo con ben tre giornate d’anticipo conquistando anche matematicamente il primo posto del girone. Alla vigilia dell’importantissima sfida, che ha concesso all’Italia di sorridere nuovamente dopo l’amara mancata qualificazione ai mondiali del 2018, da ritiro della Nazionale è arrivato un importante annuncio. Da novembre il commissario tecnico Roberto Mancini avrà al suo fianco l’ex giocatore Gianluca Vialli nel ruolo di capo delegazione. Vialli, che da tempo sta lottando contro un tumore, si è presentato all’evento visibilmente dimagrito destando la preoccupazione di molti in merito alle sue condizioni di salute.

Gianluca Vialli, in cura per un tumore al pancreas, sarà a capo della delegazione della Nazionale Italiana

Visibilmente dimagrito, Gianluca Vialli si è presentato al ritiro della Nazionale Italia, che ieri ha staccato il biglietto per il prossimo Europeo battendo 2-0 la Grecia, come ambasciatore dei volontari di Roma Euro2020. L’ex giocatore, che da tempo sta lottando contro un tumore al pancreas, come annunciato alla vigilia della sfida, a novembre affiancherà il commissario tecnico Roberto Mancini nel ruolo di capo delegazione. “Nei prossimi giorni – ha affermato Vialli- approfondirò con Gravina la proposta che mi ha fatto e parleremo di come allargare il mio contributo. Tempistiche? Non ce ne sono -riporta Il Corriere della Serama spero di avere un ruolo definito già per il prossimo raduno, a novembre“. In merito alla malattia, l’ex giocatore ha spiegato: “Da marzo sto facendo altre cure, e dovevano esserci le condizioni fisiche e mentali per prendere questo impegno. Sto bene, bisogna avere pazienza, è dura più di quanto uno possa sperare. Ma i risultati sono positivi e non ha senso che io non continui a fare una vita normale: lavorare fa parte di questo, tutto va nel migliore dei modi. Sono un po’ arrugginito ma è bello per me rientrare in un certo tipo di routine che ho fatto per anni. Oggi ci sono le condizioni giuste per cominciare“. In molti vedendo le foto ufficiali dal ritiro di Coverciano dell’ex giocatore sono rimasti preoccupati e su Twitter i fan hanno voluto mandare un messaggio di incoraggiamento a Vialli che a breve potrebbe intraprendere una nuova avventura con la Nazionale maggiore, con la quale ha disputato 59 partite mettendo a segno 16 reti tra il 1985 ed il 1992.

Leggi anche —> L’Aifa ritira dal mercato numerosi lotti di antibiotico antitumorale