vialli nazionale malattia
Gianluca Vialli Nazionale malattia FOTO Twitter

È si, Vialli nazionale di nuovo insieme. L’ex calciatore affiancherà Roberto Mancini con un ruolo voluto dalla FIGC, ma i tifosi sono in ansia per lui.

Gianluca Vialli in nazionale. L’ex attaccante di Cremonese, Sampdoria, Juventus e Chelsea, con degli importanti trascorsi anche con la maglia dell’Italia (16 gol in 59 presenze tra 1985 e 1992 con la grande avventura dei Mondiali nostrani nel 1990) tempo fa svelò di essere affetto da una brutta malattia. Un cancro al pancreas, dicono i bene informati. Lui intanto ha detto si alla FIGC ed all’amico Roberto Mancini, con cui fece sognare i tifosi sampdoriani trent’anni fa. Vialli ha ricevuto infatti la nomina di capo delegazione dell’Italia e ha posato per l’occasione col ct e con il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina. La cosa è in realtà ancora ufficiosa, anche se il si è già arrivato. “Spero di avere un ruolo ben definito per il prossimo raduno azzurro di novembre, ora parleremo di come allargare il mio contributo”, fa sapere il cremonese classe 1964, sposato con la londinese Cathryn dal 2003 e dalla quale ha avuto due figlie.

LEGGI ANCHE –> Artrite reumatoide sintomi | colpisce a tutte le età | come riconoscerla

Vialli nazionale, l’ex calciatore è motivato: “Dalla malattia finora nessuna preoccupazione”

“Sono in cura da marzo con altre terapie, serviva essere nelle giuste condizioni fisiche e mentali. Ora sto bene ma serve pazienza. I risultati sono positivi e non serve il non svolgere una vita non normale. Considero normale il lavoro, quindi eccomi qui. Sono nelle piene capacità di svolgere questo incarico, e ho convinzione: Vialli in nazionale dopo tanto tempo, chi l’avrebbe detto. Sono un pò arrugginito ma è bello essere tornato dove sono stato per tanti anni”. Poi si parla di Mancini. “Io e lui ci capiamo al volo, ci sono le condizioni perfette. Ho un master in Football Business e tanta esperienza fatta come manager in Inghilterra, ma voglio apprendere e dare tanto senza togliere nulla”.

LEGGI ANCHE –> Strage familiare, agente uccide moglie e figlie nella notte e si ammazza

Trattativa Sampdoria saltata, “dispiace”

Da poche settimane è sfumato il passaggio di mano della Sampdoria da Massimo Ferrero ad una cordata statunitense che si era affidata proprio a Vialli nelle trattative. “Dispiace, sento che avrei fatto bene in blucerchiato da dirigente. Mi sarebbe piaciuto dare i miei coraggio, sogni e passione a quel popolo che tanto mi ha dato. Purtroppo tutto è saltato per motivi economici, non abbiamo trovato un accordo sul prezzo. Una cosa normale e che può succedere quando si negozia. Dispiace poi se questa cosa possa avere condizionato l’andamento della squadra in campionato”. La Sampdoria è attualmente ultima in classifica e ha esonerato in settimana Eusebio Di Francesco, chiamando al suo posto Claudio Ranieri.