Artrite reumatoide sintomi | colpisce a tutte le età | come riconoscerla

artrite reumatoide sintomi
Artrite reumatoide sintomi e come si cura FOTO tuttomotoriweb

Come si riconosce ed in che modo curarla, artrite reumatoide sintomi: questa è una malattia difficile da riconoscere subito e che porta dolore, ma niente paura.

Può sorgere all’improvviso e colpire le articolazioni del nostro corpo. Parliamo dell’artrite reumatoide, una malattia infiammatoria cronica autoimmune caratterizzata da una risposta errata del sistema immunitario che attacca i tessuti dell’organismo. Anche diversi organi possono essere interessati. Tra questi la pelle, i polmoni, il cuore, i reni, gli occhi e pure i vasi sanguigni. Solitamente l’artrite reumatoide attacca la membrana sinoviale, il tessuto osseo ed il rivestimento delle articolazioni. Comporta dolore e rigonfiamenti, e nei suoi stati avanzati porta anche a disabilità, in quanto insorgono deformità delle articolazioni, ossa consumate ed impotenza a livello funzionale. Tra i sintomi più riconosciuti di questa patologia si riconoscono dei dolori articolari simmetrici, dapprima alle piccole articolazioni di piedi e mani e che poi tendono ad ingrossarsi, raggiungendo gomiti, ginocchia, polsi, spalle, caviglie…le articolazioni possono anche ingrossarsi fino ad irrigidirsi.

LEGGI ANCHE –> Allarme listeria, presente in un formaggio italiano: marca e lotto

Artrite reumatoide, le cause riconosciute

Questo complica maledettamente il compiere anche i più semplici gesti. La comunità medica riconosce anche sintomi di altro tipo come febbre, formicolii e dolori muscolari costanti e lesioni cutanee. Una diagnosi di questa malattia può uscire fuori anche dall’analisi del sangue e da valori sballati. Le cause sul perché l’artrite reumatoide insorge non sono note. Questo rende difficile anche il poter essere sufficientemente tempestivi nell’intervenire con le giuste contromisure. Ma, come nel caso di tante altre patologie, c’è unanimità nel ritenere predisposizione genetica, alimentazione cattiva, stili di vita sbagliati (obesità, fumo, abuso di alcolici), stress eccessivo ed anche agenti di natura infettiva come fattori che possono portare un soggetto ad essere particolarmente esposto a cattive conseguenze. Per fortuna sembra che gli effetti benevoli di una giusta dieta equilibrata, in particolar modo quella mediterranea, tendano a ridurre i rischi di molto.

LEGGI ANCHE –> Le Iene, Nadia Toffa sempre viva: l’omaggio speciale in studio – FOTO

Come si cura questa malattia

In Italia la presenza di questa patologia è di un malato ogni 250 persone e tende a colpire più le donne che gli uomini, con un rapporto di 3 a 1. La fascia di età più esposta è quella compresa tra i 40 ed i 60 anni ma si manifesta in tutti gli individui, anche più giovani. Studi recente fanno intuire che la presenza di certi anticorpi segnali il prossimo manifestarsi della malattia. Specialmente dall’inizio degli anni 2000 sono stati compiuti grossi passi in avanti delle terapie specifiche di riferimento. Contempla l’utilizzo di farmaci come corticosteroidi ed antinfiammatori non steroidei, oltre che di farmaci specifici e di altri biologici. Si può approdare nelle situazioni più acute ad un necessario intervento chirurgico ortopedico.

Si può tornare ad una vita normale

Poi grande importanza viene data alla riabilitazione ed all’attività fisica, specialmente per mantenere il corpo ben tonico e per evitare di cadere in situazioni che potrebbero creare altre complicazioni, come obesità, rischi neurologici e cardiovascolari ed altro. Va detto che nel corso degli ultimi 20 anni i progressi compiuti per quanto riguarda questa malattia sono stati davvero enormi. Non mancano infatti casi di guarigione e di ritorno alla normalità di tutti i giorni dopo un intervento mirato. Ma come detto, condurre uno stile di vita equilibrato fornisce una grossa mano per evitare di avere a che fare con dottori, ospedali e medicinali da assumere ogni giorno.