Elisabetta Cirillo: la blogger che ha condiviso il destino di Nadia Toffa

0
111

Elisabetta Cirillo ha condiviso la stessa sorte della sua concittadina e anche la sua storia è un grande esempio per tutti.

Elisabetta Cirillo
La blogger Elisabetta Cirillo

Elisabetta Cirillo non ce l’ha fatta. La blogger 33enne ha condiviso lo stesso destino della sua concittadina, la bresciana Nadia Toffa. Lisa, come l’inviata e conduttrice delle Iene, raccontava la sua lotta quotidiana contro il cancro, online, sui suoi social e sul suo blog “Lisa in the world”. La notizia della morte di Elisabetta è stata data proprio sulla sua pagina Facebook.

Il ricordo di Elisabetta Cirillo

La blogger aveva scoperto la malattia nel ottobre 2014. Era riuscita allora a migliorare la sua condizione ma il cancro era poi tornato. Nel frattempo Elisa ha scritto due libri, “Come capita la vita” e “Fino a qui”, e una raccolta di poesie, mentre faceva la radioterapia e documentava anche le sue giornate alle persone che la sostenevano sui suoi social.

Lisa non ha voluto mai rinunciare a vivere e anzi si era sposata da poco. La ragazza ha raccontato che quando ha conosciuto quello che poi sarebbe stato il suo futuro marito indossava una maglietta e dalla scollatura trapelava la cicatrice dovuta all’intervento. Il futuro marito aveva apprezzato quella cicatrice e da quel momento anche Elisabetta aveva migliorato il suo rapporto personale con quel doloroso ricordo fisico.

Elisabetta, finché ha potuto, ha anche continuato a viaggiare e a vivere istintivamente, come aveva fatto da sempre. L’amore per i viaggi le è venuto da piccola, quando con la sua famiglia ha visitato l’Asia e l’Africa, e questo l’ha fatta crescere curiosa di conoscere il mondo e nuove culture.

Per conoscere gli altri Lisa aveva imparato inglese, francese, russo e spagnolo. L’ultimo ricordo che abbiamo di lei è un suo nuovo, ambizioso, sogno: quello di imparare una nuova lingua, il farsi.

Potrebbe interessarti anche: Lotta contro il cancro, il commovente messaggio di John Travolta

Teresa Franco