Medico
(Getty Images)

Uno screening per il tumore del colon-retto può salvare la vita: diagnosticare la malattia nella sua fase iniziale aumenta esponenzialmente le possibilità di sopravvivenza.

Effettuare uno screening per il tumore del colon-retto aumenta esponenzialmente le possibilità di sopravvivenza; questo il risultato di un recente studio pubblicato sull’International Journal of Cancer e condotto da alcuni epidemiologi italiani. È stato dimostrato, infatti, che i soggetti sottopostisi a tale esame avrebbero il doppio di probabilità di superare la malattia. Durante il test sono stati analizzati, riporta La Stampa, oltre 11mila casi diagnosticati di tumori maligni al colon-retto su pazienti tra i 50 ed i 71 anni tra il 2000 ed il 2008. All’invito a presentarsi per prendere parte allo studio, però, ha risposto solo la metà dei soggetti chiamati.

Tumore del colon-retto: effettuare uno screening raddoppia le possibilità di sopravvivenza

Un recente studio condotto da alcuni epidemiologi italiani e pubblicato sull’International Journal of Cancer, riporta La Stampa, avrebbe restituito risultati strabilianti. Secondo gli esperti uno screening per il tumore del colon-retto raddoppierebbe le possibilità di sopravvivenza nei soggetti che si sottopongono all’esame rispetto a quelli che invece decidono di non farlo. Dallo studio che ha preso in considerazione ben 11mila casi diagnosticati di tumori maligni su pazienti tra i 50 ed i 71 anni è emerso, riporta La Stampa, che nei soggetti, i quali avevano aderito all’invito di presentarsi a seguito della chiamata per eseguire l’esame le metastasi erano inferiori del 70% rispetto a quelli che invece non avevano accettato di sottoporsi allo screening. A commentare i risultati dello studio Massimo Vicentini epidemiologo dell’Ausl di Reggio Emilia e autore della ricerca: “Si tratta di un risultato importante, che mette in risalto l’impatto dei programmi di screening su questa malattia – avrebbe riferito il professore stando a quanto riportato da La Stampa-. Oltre alla riduzione della mortalità e dell’incidenza, cioè del numero di casi di cancro, anche i controlli sono in grado di ridurre la gravità dei tumori che rimangono, facendo diminuire così le sofferenze per i pazienti”. Lo screening è, quindi, da considerare un’opportunità per avere maggiori chance di superare la malattia.

Leggi anche —> Concorso operatori giudiziari, 616 posti a tempo indeterminato: basta la licenza media