Aula concorso pubblico
(foto dal web)

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando di concorso per la selezione pubblica di 616 operatori giudiziari: i requisiti, le sedi di lavoro e le modalità di presentazione della domanda.

In Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il bando per la selezione pubblica di 616 operatori giudiziari che saranno assunti con un contratto a tempo indeterminato ed orario di lavoro full time. Per poter partecipare al concorso è necessario essere in possesso di determinati requisiti, tra questi l’iscrizione ai centri per l’impiego. Non è previsto alcun limite d’età.

Concorso operatori giudiziari, 616 posti a tempo determinato: i requisiti per poter presentare la domanda

Nella grande ondata di assunzioni previste dalla Pubblica Amministrazione con l’indizione di numerosi concorsi si inserisce da ultimo questo da operatore giudiziario. Il bando, consultabile sulla Gazzetta Ufficiale, prevede l’assunzione a tempo indeterminato ed orario di lavoro full time di 616 unità. I requisiti di cui bisogna essere in possesso per poter presentare la domanda sono:

  • Essere cittadini italiani o di un altro stato membro UE;
  • Avere più di 18 anni;
  • Essere in possesso della licenza media o, ovviamente, di titoli di studio superiori;
  • Avere un’idoneità fisica per lo svolgimento delle funzioni previste;

Nonché tutte le condizioni standard previste per i concorsi nella pubblica amministrazione (qualità di condotta e morali, il godimento dei diritti civili e politici e la non esclusione dall’elettorato attivo, non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, non avere condanne penali passate in giudicato ed essere in regola con gli obblighi di leva, per i nati prima del 1986).

Ciò che è più importante sapere è però che per poter partecipare al concorso è necessario essere iscritti al Centro per l’impiego. Alla selezione potranno prendere parte gli iscritti alle liste di collocamento per la ricerca di un lavoro ed anche i beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno presentato l’iscrizione al Centro per l’impiego della loro zona. Per presentare la domanda è necessario recarsi presso il Centro per l’impiego in cui si è iscritti, autodichiarando di essere in possesso dei requisiti previsti dal bando.

Concorso per 616 operatori giudiziari: sedi di lavoro e prova

Il concorso per la selezione di 616 operatori giudiziari consisterà in una prova pratica di idoneità ed in un colloquio. All’esito di questo primo step verranno ammessi alla seconda fase di selezione un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili (quindi 1.232 ammessi per 616 posti). Verrà stilata una graduatoria nella quale ai candidati verranno attribuiti dei punti in base ai titoli in proprio possesso dopodiché avranno luogo le due prove. La prima sarà di carattere pratico ed avrà luogo presso la Corte di Appello di competenza nel proprio distretto, idonea ad accertare l’idoneità del candidato a svolgere le mansioni per il qual potrebbe essere potenzialmente assunto dalla Pubblica Amministrazione. Consisterà nel verificare se il candidato è in grado di riordinare fascicoli cartacei e avere competenze base nell’utilizzo del computer e dei sistemi informatici, ossia il ruolo che sarà chiamato a svolgere se supererà il concorso.

Come specificato all’interno del bando, consultabile sulla Gazzetta Ufficiale, le sedi di assegnazioni non sono dislocare su tutto il territorio nazionale, ma solo in determinate regioni. Le 616 unità saranno destinate a ricoprire posizioni scoperte in:

  • Calabria
  • Campania;
  • Emilia-Romagna;
  • Lazio;
  • Liguria;
  • Lombardia;
  • Marche;
  • Piemonte;
  • Puglia;
  • Toscana;
  • Veneto.

Leggi anche —> Nuovi parametri per richiedere il Reddito di Cittadinanza: aumenterà il numero di chi potrà presentare la domanda