I dati dei tecnici della Brembo sulle frenate del circuito di Suzuka che ospita il Gran Premio del Giappone 2019 di F1 (Immagine Brembo)
I dati dei tecnici della Brembo sulle frenate del circuito di Suzuka che ospita il Gran Premio del Giappone 2019 di F1 (Immagine Brembo)

F1 | I freni possono decidere la vittoria del Gran Premio del Giappone (VIDEO)

Anche al Gran Premio del Giappone di Formula 1, in programma questo weekend, i freni dovrebbero finire sotto i riflettori. Non tanto per l’impegno degli impianti sul circuito di Suzuka, ben diverso da quello delle prime edizioni della gara, che risalgono a trent’anni fa, nelle quali i guasti a questa componente delle monoposto erano così frequenti da portare al ritiro numerosi piloti.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Oggi il tracciato nipponico non è considerato particolarmente probante per i freni, in quanto prevede soprattutto curvoni veloci di percorrenza, in dieci dei quali non si tocca nemmeno il pedale e in altre cinque viene premuto per meno di 90 metri. Solo in un paio di occasioni i piloti sono chiamati a frenare bruscamente, ma proprio quelle poche curve rappresentano le uniche chance di sorpasso della pista, e dunque potrebbero rivestire un ruolo fondamentale nel determinare l’esito della gara.

La più importante in assoluto, stando ai dati diffusi dai tecnici della Brembo è la curva 16, dove si decelera da 315 a 103 km/h in appena 120 metri e 2,41 secondi, con un carico sul pedale di 164 kg e una forza di 5,3 G. Da segnalare anche quella del tornante della curva 11, dove si scala da 284 a 80 km/h in 2,82 secondi e 121 metri di frenata, benché il carico sul pedale sia inferiore (128 kg) e anche la forza sul pilota (3,5 G).

Occhio dunque alle prestazioni degli impianti frenanti, perché potrebbero fare la differenza tra un sorpasso vincente oppure un lungo che manderebbe i piloti fuori pista.