bambina morta
Una bambina morta da 5 giorni e la madre ed il padre che restano per tutto questo tempo accanto a lei FOTO mirror

Una donna ed il marito perdono la figlioletta in tenera età, ma dopo la sua scomparsa restano accanto al corpo della bambina morta per esaudire un desiderio.

Il dolore immenso per una bambina morta ha portato una donna a compiere un gesto che non è decisamente da tutti. La donna si chiama Emily Nixon e ha 25 anni. Purtroppo ha perso a soli 6 anni la figlioletta Darcy. La piccola era affetta da un raro disturbo chiamata Vacterl Association e che le inficiava il comportamento di diversi organi. La cosa ha dovuto richiedere che Darcy venisse sottoposta a ben 20 delicati interventi chirurgici nel corso della sua breve vita. Ma la notizia che avrebbe avuto una sorellina l’aveva resa felicissima. La mamma racconta: “Lei era speciale, tanto speciale”. Una infezione ha colpito la bambina uccisa proprio a ridosso della nascita di Beatrice. E proprio quando Darcy avrebbe dovuto subire l’ennesima operazione, al cuore. Dopo altre 5 avvenute a cuore aperto.

LEGGI ANCHE –> Serpente in casa, donna ne trova due nel wc nel giro di un giorno

Bambina morta, il desiderio dei genitori: “L’abbiamo fatto per questo”

Emily ed il suo compagno, Kristian, hanno deciso di conservare per cinque giorni il corpicino della loro figlioletta in una camera a bassa temperatura, al piano interrato di un ospedale pediatrico inglese. Lo hanno fatto per “permettere alla loro compianta bimba di stare insieme alla sua sorellina”. E così le hanno scattato delle foto che un giorno la piccola Bea potrà vedere. La coppia ha lanciato un marchio di abbigliamento chiamato ‘Love Darcy Clothing’, proprio per omaggiare la loro figlia scomparsa. Questo è servito a raccogliere una considerevole somma – oltre 3mila sterline (più di 3300 euro al cambio, n.d.r.) da devolvere proprio all’ospedale che ha permesso loro di attuare quanto fatto.

LEGGI ANCHE –> Storie Italiane, Maria Teresa Ruta ammette: “Sono stata una madre assente”

La piccola Darcy ha mostrato una forza incredibile

“Il destino non ha voluto che restassero insieme se non per qualche giorno. Quando io e mio marito mostriamo a Bea una foto di Darcy, lei sorride. Come se sapesse chi è”. La patologia della quale la bambina morta soffriva insorse a sole sei settimane dalla sua nascita, nel 2013. Si presenta con anomalie anorettali, cardiache, vertebrali, della trachea, dei reni e degli arti. Una serie di difetti di cui non si conosce il motivo. Durante a gravidanza non emersero nemmeno problemi. Darcy era consapevole della sua condizione, mamma e papà le avevano detto tutto. Nonostante ciò, lei si comportava come una bimba assolutamente normale. Amava molto giocare, anche se non ha potuto farlo tante volte, per via dello sforzo avvertito.