Sparatoria Questura di Trieste: la polizia diffonde le immagini riprese dalle telecamere – VIDEO

0
107
Sparatoria Questura Trieste
Un frame del video diffuso dalla Polizia

Diffuse dalla polizia le immagini di alcuni frangenti della sparatoria consumatasi all’interno della Questura di Trieste venerdì scorso.

La Polizia ha diffuso le immagini delle telecamere di sorveglianza poste all’interno della Questura di Trieste, dove venerdì scorso si è consumata la sparatoria nella quale due giovani agenti sono stati uccisi. Nelle immagini si vede il killer, Alejandro Stephan Meran, sparare al piantone nell’atrio della Questura con entrambe le pistole sottratte agli agenti e poi una volta in strada le telecamere lo inquadrano mentre prova a rubare una volante della Polizia ed in infine mentre si dirige verso una Panda della Squadra Mobile che fa velocemente retromarcia. Le immagini mostrano un uomo in preda alla follia e per tali ragioni la Procura della Repubblica di Trieste ha annunciato la volontà di chiedere una perizia psichiatrica su Meran.

Trieste, sparatoria in Questura, diffuse le immagini dalla polizia: la Procura chiede la perizia psichiatrica per il killer

Sono immagini crude e violente quelle diffuse dalla Polizia che mostrano alcuni frangenti della sparatoria consumatasi venerdì scorso nella Questura di Trieste durante la quale i due giovani agenti Pierluigi Rotta (34 anni) e Matteo Demenego (31 anni), sono stati uccisi. Nel video, ripreso dalle telecamere di sorveglianza poste all’interno ed all’esterno dell’edificio, mostrano Alejandro Stephan Meran dirigersi verso l’atrio della Questura con due pistole in mano e sparare con entrambe contro il piantone ferendolo. Successivamente Meran esce dalla Questura e prima prova a rubare una volante del 113 e successivamente si dirige verso una Panda della Squadra Mobile che vedendolo fa velocemente retromarcia. Intanto proseguono le indagini degli inquirenti e la Procura della Repubblica di Trieste, come riporta la redazione di Tgcom24, ha annunciato di voler richiedere una perizia psichiatrica per Meran, il quale è stato dimesso dall’ospedale dove era piantonato da venerdì per essere trasferito nel carcere Ernesto Mari del capoluogo friulano. Su quanto accaduto, nello specifico sulla polemica relativa alle fondine degli agenti di polizia, si è espresso il capo della Polizia italiana Franco Gabrielli intervenuto durante la trasmissione L’aria che tira su La7 spiegando: “Non c’è correlazione tra l’ipotetica inefficienza della fondina e l’episodio che ha visto la morte dei colleghi“. Gabrielli sul tema degli approvvigionamenti ha affermato: “Esiste, perché abbiamo finanziamenti schizofrenici e siamo perennemente in affanno“.

Leggi anche —> Muore in gara giovane ciclista: “Mancavano 100 metri al traguardo, poteva vederlo”