Andrea Iannone
Andrea Iannone (©Getty Images)

MotoGP, Andrea Iannone: “Aprilia deve risolvere questo problema”

Resta l’amaro in bocca ad Aleix Espargarò dopo la sfortunata gara in Thailandia. In un week-end in cui si è confermato estremamente veloce, su un circuito tradizionalmente ostico per l’Aprilia RS-GP, era in lotta nel gruppo tra la quinta e l’ottava posizione, lottando con Petrucci e tenendo a vista il gruppo in bagarre.

Destino ha voluto che a nove giri dalla bandiera a scacchi è dovuto rientrare ai box per un problema, probabilmente di natura elettronica (è sotto investigazione da parte del team), che ha rallentato la sua moto. “Questo weekend abbiamo lavorato in maniera praticamente perfetta. Sulla pista forse più ostica per noi abbiamo trovato un buon setting, che mi ha permesso di lottare con Petrucci senza perdere di vista il gruppetto davanti. Purtroppo a nove giri dalla fine un problema elettronico mi ha costretto a fermarmi, quando c’era la possibilità di portare a casa un bel risultato. Evidentemente quest’anno la fortuna non ci assiste, ma nelle ultime due gare abbiamo dimostrato di poter sfruttare la RS-GP al limite”.

Prestazione encomiabile anche per Andrea Iannone che porta a casa un punto al termine di una gara che lo ha visto lottare con Crutchlow e Oliveira prima di cedere la quattordicesima piazza a Miller, proprio nelle battute finali. “Non sono contento della gara, ho faticato fin dal primo giro nella parte iniziale della pista. Quando sono in scia riesco a limitare i danni, ma la mancanza di velocità mi costringe a guidare in maniera non ideale. Questo innesca una serie di altri inconvenienti, come lo stress della gomma anteriore o l’innalzamento delle temperature ed è quindi un fattore estremamente limitante. Al momento questo è il nostro problema maggiore, mi aspetto che Aprilia continui a lavorare per risolverlo – ha concluso il pilota di Vasto -. Dal canto mio scenderò sempre in pista per dare il 100%”.