Scordatevi Valentino Rossi: ora Marc Marquez ha un nuovo rivale (VIDEO)

0
992
La lotta tra la Honda di Marc Marquez e la Toyota di Fabio Quartararo nel Gran Premio di Thailandia 2019 di MotoGP a Buriram (Foto MotoGP)
La lotta tra la Honda di Marc Marquez e la Toyota di Fabio Quartararo nel Gran Premio di Thailandia 2019 di MotoGP a Buriram (Foto MotoGP)

MotoGP | Scordatevi Valentino Rossi: ora Marc Marquez ha un nuovo rivale (VIDEO)

Il primo assaggio lo avevamo vissuto a Misano, ma dopo il Gran Premio di Thailandia il guanto di sfida è ufficialmente lanciato. Ad un angolo del ring, il campione del presente: Marc Marquez, che proprio a Buriram ha conquistato il suo ottavo titolo iridato. Dall’altro il campione del futuro: Fabio Quartararo, la rivelazione del Motomondiale 2019.

I due hanno incrociato nuovamente le ruote in gara: il Diablo partito dalla pole position, il Cabroncito alle sue calcagna. La Yamaha e la Honda sono andate subito in fuga, scrollandosi rapidamente di dosso anche Maverick Vinales che aveva tentato inutilmente di tenere il loro passo. Il primo attacco di Marquez alla prima curva è andato a vuoto, anzi lo ha costretto ad un lungo: così il catalano ha deciso, almeno per il momento, di adottare una modalità attendista.

Da maestro della strategia qual è, ha iniziato a giocare al gatto col topo: con una tattica a elastico, talvolta avvicinandosi, talvolta allontanandosi, in alcune fasi mostrandosi in crisi e poi subito recuperando terreno. Il sorpasso è arrivato all’inizio dell’ultimo giro, nuovamente in fondo al rettilineo principale, dove stavolta Marquez è riuscito ad avere la meglio. Inutile si è rivelato il tentativo di contrattacco di Quartararo, all’ultima curva: il numero 93 ha tagliato la traiettoria ed è riuscito a restare davanti.

Come già nella Riviera romagnola, dunque, anche in Thailandia, e per soli 171 millesimi, a prevalere è stata l’esperienza del campione consumato sull’entusiasmo giovanile dell’esordiente. Eppure, nonostante al traguardo si sia dovuto accontentare dell’ennesimo secondo posto, il francese ha dato nuovamente prova delle sue scintillanti doti di guida, e del suo potenziale che lo rende ormai costantemente un candidato alle prime posizioni su ogni pista.

Che Quartararo abbia un avvenire brillante davanti a sé, del resto, lo conferma lo stesso Marquez: “Guida benissimo, mi ricorda Lorenzo alla Yamaha”, è l’investitura del neo-otto volte iridato. “Sta migliorando molto e l’anno prossimo sarà uno dei miei principali avversari”. Forse addirittura il principale: ad appena vent’anni, non si sta rivelando soltanto il più veloce in assoluto sul giro secco, ma anche sufficientemente solido sul passo gara, come ha dimostrato il suo comportamento oggi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Certo, il rischio di bruciare un talento così promettente è alto, e non bisogna dimenticare che per un pilota che non ha ancora vinto neanche un Gran Premio in MotoGP, la strada per aggiudicarsi un Mondiale resta lunghissima: deve lavorare sulla tenuta psicologica sotto pressione, sulla costanza di rendimento nel corso dell’intero calendario. Eppure l’impressione è che quello a cui abbiamo assistito oggi non sia che uno dei primi atti di una rivalità destinata a durare nel tempo.

Sembra insomma che Marc Marquez abbia finalmente trovato il suo rivale numero uno, un pilota ancora più giovane di lui, eppure l’unico capace di insidiarlo (quasi alla pari) nell’attuale panorama motociclistico. I tempi dei duelli con Valentino Rossi, forse, fanno definitivamente parte del passato.

Leggi anche —> Marc Marquez può davvero diventare il più grande pilota di tutti i tempi?

Fabrizio Corgnati