Ragazzo morto, suicidio confermato da un biglietto: si è sparato a 16 anni

ragazzo morto suicidio
Un ragazzo morto per suicidio nelle Marche

Un ragazzo morto per suicidio: il giovane era minorenne, conduceva una esistenza tranquilla ma all’improvviso ha scelto di farla finita in modo orribile.

Non ci sono dubbi sul caso che riguarda un ragazzo morto a causa di un colpo di pistola. Il giovanissimo aveva solamente 16 anni ed è stato trovato privo di vita a causa di un colpo di fucile che lui stesso si è sparato. Si tratta senza alcun dubbio di suicidio, per gli inquirenti che hanno raggiunto casa sua e hanno esaminato la scena del delitto. La vicenda è avvenuta nel piccolo centro di Fermignano, in provincia di Pesaro-Urbino. E tutto è accaduto verso ora di pranzo, nella giornata di venerdì 4 ottobre. Sul posto sono accorsi il personale del 118 a bordo di una ambulanza e le forze dell’ordine. Queste hanno iniziato a raccogliere indizi utili, oltre a reperire notizie ed informazioni inerenti il ragazzo morto. Si sta già procedendo con l’interrogare diverse persone, tra amici, famigliari e compagni di scuola. Il 16enne praticava hockey e pare fosse benvoluto da tutti.

LEGGI ANCHE –> Emma Marrone tumore: un’amica parla della sua condizione di salute

Ragazzo morto suicidio, tesi confermata da un biglietto trovato in casa

La notizia del suo suicidio ha destato grande scalpore in chiunque lo conosceva. L’ipotesi del suicidio sarebbe stata confermata poi dal ritrovamento di un biglietto. Su questo messaggio indirizzato a sua madre, suo padre ed agli altri familiari, il giovane ha scritto delle parole per scusarsi da quanto commesso. E dopo aver finito di scrivere il messaggio, a preso il fucile regolarmente denunciato da suo padre e tenuto in casa, e si è sparato. Ad ucciderlo è bastato un solo colpo. L’adolescente non sembrava avere particolari problematiche, il suo andamento scolastico sembra fosse molto buono. Al momento della tragedia si trovava da solo in casa. Ma il colpo di pistola è stato udito in maniera distinta dai suoi nonni. E poco dopo sono scattati i soccorsi, dopo avere constatato quanto successo.

LEGGI ANCHE –> Trieste, la madre del killer dei poliziotti uccisi: “Sentiva delle voci”