Influenza 2019, virus già in circolazione: come prevenire e difendersi

0
944
influenza 2019
L’influenza 2019 è già in arrivo

Influenza 2019, si registrano i primi casi con l’arrivo della stagione fredda. I consigli degli esperti su come fare prevenzione e stare al sicuro.

Con l’approssimarsi dei primi freddi, anche i malanni stagionali cominciano a manifestarsi. Ed è il caso dell’influenza 2019, che già ha fatto riscontrare dei primissimi casi. Il Ministero della Salute ha organizzato un summit attraverso ‘Italia Longeva’ per parlare dell’importanza di sottoporsi a vaccino. In questo modo si rimarrà al riparo da qualsiasi spiacevole sorpresa, specialmente per le categorie a rischio. Ovvero i bambini e gli anziani, in particolare gli over 65. A fronte di un obiettivo minimo fissato del 75%, solamente il 53% di chi ha più di 65 anni si è vaccinato l’anno scorso, con un divario considerevole tra Nord e Sud Italia. Gli esperti avvertono che non bisogna sottovalutare i rischi connessi all’intercorrere delle malattie di stagione, influenza inclusa.

LEGGI ANCHE –> Ragazzo morto, suicidio confermato da un biglietto: si è sparato a 16 anni

Influenza 2019, le stime previste su in quanti rimarranno a letto

Nello specifico si riscontra un +6% negli anziani di poter contrarre un ictus in occasione dei picchi di epidemia. Così come aumenta anche il pericolo di contrarre attacchi cardiaci e polmonite, a causa di un sistema immunitario indebolito. Ci si attende un numero di ‘vittime’ dell’influenza 2019 che dovrebbe attestarsi su circa 6 milioni di individui. Lo sostiene in particolare il Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano. Mentre per altri 8 milioni di italiani ci saranno sintomi leggeri di uno stato influenzale. I sintomi sono quelli comunemente noti. Febbre a partire dai 38°, congestione nasale, mal di gola, dolori a muscoli e/o articolazioni. C’è chi prova a curare l’influenza con un uso, a volte indiscriminato, di antibiotici. Cosa che però non sempre risulta essere la soluzione giusta.

LEGGI ANCHE –> Emma Marrone tumore: un’amica parla della sua condizione di salute

In che modo proteggersi

Anzi, per gli esperti sarebbero addirittura inefficaci nel debellare i vari tipi di virus dell’influenza. E poi andrebbero sempre e comunque assunti dopo apposita prescrizione medica. La cosa migliore è la prevenzione, e quindi proteggersi bocca e naso con delle sciarpe quando fa freddo e quando ci si trova in luoghi affollati. Lavarsi spesso le mani ed evitare sbalzi eccessivi di temperatura. Il vaccino poi rappresenta un fattore di protezione ulteriore. È bene ricordare che il Servizio Sanitario Nazionale offre la vaccinazione gratuita ai soggetti a rischio. Da una apposita ricerca sul web si legge sul sito web del CorSera.

Questi i vaccini quadrivalenti previsti

“I vaccini quadrivalenti di quest’anno conterranno 1) antigene analogo al ceppo A/Brisbane/02/2018 (H1Nl) pdm09. 2) antigene analogo al ceppo A/Kansas/14/2017 (H3N2). 3) antigene analogo al ceppo B/Colorado/06/2017 (lineaggio B/Victoria/2/87). 4) antigene analogo al ceppo B/Phuket/3073/2013-like (lineaggio B/Yamagata/16/88). Vaccinarsi non è una assoluta garanzia di protezione, ma fortifica comunque di moltissimo le possibilità di evitare un contagio. Nel caso in cui ci si dovesse ammalare bisogna subito mettersi a riposo e non stressare il proprio organismo. Non bisogna esagerare neppure con i farmaci, e qualora se ne assumano, si devono rispettare le dosi indicate.