virus intestinale infarto
(foto dal web)

Il morbo di Parkinson è una delle malattie neurodegenerative più diffuse degli ultimi trentanni, i cui sintomi non sempre si manifestano in maniera chiara e quindi la patologia progredisce in sordina.

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa i cui sintomi si manifestano in maniera asimmetrica, colpendo prima una parte del corpo e poi l’altra. Non sempre però la patologia si manifesta in maniera chiara ed evidente: esistono casi in cui un paziente riconosce di esserne affetto solo quando ormai il morbo è nella fase finale. A parlare del Parkinson e dei suoi campanelli d’allarme il dottor Michele Perini, neurologo in Humanitas Medical Care di Lainate.

Morbo di Parkinson: i sintomi di una malattia i cui numeri sono in forte crescita

Sarebbero quasi 300mila le persone in Italia e circa 6 milioni nel mondo le persone affette dal morbo di Parkinson. Questa patologia rientra nel novero di quelle neurodegenerative più diffuse, tanto che tra il 1990 ed 2015 vi è stato un raddoppio dei casi. A riportare tali dati la redazione di Humanitas Salute, facente parte del gruppo ospedaliero Humanitas, la quale afferma che secondo le stime del Journal of Parkinson’s disease, questi numeri sono destinati a crescere: presumibilmente nel 2040 vi sarà un ulteriore raddoppio dei casi, ciò anche a causa dell’invecchiamento della popolazione. La redazione di Humanitas Salute, in ordine al morbo di Parkinson ed ai suoi sintomi, ha riportato le parole del dottor Michele Perini, neurologo in Humanitas Medical Care di Lainate. Il medico avrebbe dichiarato: “Il morbo di Parkinson si presenta a seguito della progressiva degenerazione delle cellule nervose del cervello, responsabili della produzione della dopamina, il neurotrasmettitore – riporta la redazione di Humanitas Salute che regola funzioni come il controllo del movimento, il comportamento, l’umore, il ritmo del sonno e una parte della cognitività“. Il dottor Perini avrebbe proseguito dicendo: “Movimenti rigidi e lenti, tremori a riposo e perdita di equilibrio sono le principali caratteristiche del morbo di Parkinson, sintomi che si presentano spesso in modo asimmetrico, colpendo più un lato del corpo rispetto all’altro. Non sempre però questa patologia si manifesta in modo chiaro: in alcuni casi – riporta Humanitas Salutesi presenta senza i classici sintomi di rigidità dei movimenti e tremore, rimanendo in sordina e non consentendo a chi ne soffre di ipotizzare la malattia“.

Leggi anche —> Tumore: casi in diminuzione rispetto allo scorso anno