Galbusera fuori dal box, Valentino Rossi svela i retroscena

Valentino Rossi e Silvano Galbusera
Valentino Rossi e Silvano Galbusera (Getty Images)

MotoGP | Galbusera fuori dal box, Valentino Rossi svela i retroscena

Il week-end di MotoGP in Thailandia si apre con una notizia bomba: Valentino Rossi a fine stagione chiuderà la collaborazione con il suo capotecnico Silvano Galbusera, che verrà sostituito da David Muñoz, attualmente capo meccanico di Niccolò Bulega nello SKY Racing Team VR46.

Una decisione presa insieme alla Yamaha che ha deciso di rinnovare alcune posizioni di vertice all’interno della fabbrica e del team racing. “Non mi aspettavo questa scelta, ma dopo Misano abbiamo parlato con Silvano e Yamaha, perché dobbiamo cercare di essere più veloci – ha raccontato Valentino Rossi ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD -. Dovevamo cambiare qualcosa per migliorare la situazione del team. Dall’altra parte Yamaha voleva rafforzare il test team per l’anno prossimo, quindi era importante che rimanesse una persona di esperienza come Silvano. Anche lui era più contento di restare un po’ più tempo a casa”.

David Munoz non ha nessuna esperienza in MotoGP, ma si punta sulla sua capacità di rinnovamento che arriva dai tecnici di nuova generazione. “Prendiamo un capotecnico della Moto2, non ha esperienza in MotoGP, ma speriamo porti nuove esperienze e idee. Silvano continuerà a lavorare per Yamaha, questo è positivo, e potranno esserci nuove motivazioni per il prossimo anno”. Dopo Jeremy Burgess, Valentino Rossi ha scelto di dare un’altra svolta al suo staff, perché l’inizio della nuova stagione sarà fondamentale per le scelte future. “Corro in MotoGP dal 2000, ho avuto due capotecnici e i rapporti con loro sono sempre lunghi. Con Jeremy è stato più difficile perché eravamo insieme da tanto tempo, con Silvano invece è stato più facile, è stata una scelta più facile, che abbiamo preso insieme, anche con la Yamaha. Dipenderà il mio futuro – ha sottolineato Valentino Rossi -, perché i risultati dell’anno prossimo saranno fondamentali per vedere se sarà l’ultimo anno o sarò abbastanza veloce per continuare”.